Utente 685XXX
Salve dottori.

Desidero porvi un quesito. L'anno scorso a seguito veritigini e problemi alla vista che tutt'ora accuso
Mi sono state prescritte 4 rm
Massiccio facciale
Rachide crrvicale
Encefalo ed ipofisi con mdc queste ultime anche a seguito di una minima asimmetria della emighiandola ipofisaria dx inserita come referto accessorio nella rm del massiccio facciale.
Ho anche effettuato esami valori pituitari tutto ok. Il neurologo e soprattutto l'endocrinologo mi hanno consigliato di ripeterla dopo un anno e se la situazione fosse rimasta invariata dimenticarmi dell'ipofisi.
Adesso vi chiedo ho dato per scontato che i risultati della rm anche con mdc fossero identici sia con macchinari aperti che chiusi ma leggendo su internet e sul vostro sito non é cosi, mi sembra di aver capito.
Io ho eseguito rm con macchinario "PHILIPS/NEUSOFT modello SUPERSTAR 0,35T" mi consigliate, dovendo ripetere esame rm ipofisi di farlo con macchinario chiuso? Mi consigliate di ripetere anche encefalo? Non ci dormo la notte, non ho mai fatto cenno ai medici di averla fatta aperta e ho paura che magari anche i risultati possano essere stati inficiati, magari l'esito sarebbe stato diverso, magari i risultati che sono risultati normali escludendo anche la sclerosi multipla sarebbero stati diversi se l'avessi fatta chiusa? Dovrei farlo presente ai medici che analizzano gli esami?

Grazie davvero a tutti


Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Giordano
32% attività
8% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
generalmente la risonanza aperta viene utilizzata in seconda battuta quando esiste intolleranza da parte del paziente ad eseguire una risonanza con quella chiusa. Anche se la tecnologia ha fatto e sta facendo passi da gigante con macchine aperte eccellenti, se la risonanza è chiusa (con conseguenti problemi di claustrofobia dei pazienti) non lo è per cattiveria, ma perchè si riesce ad ottenere campi magnetici più potenti e di migliore qualità con conseguente miglioramento delle immagini. Le risonanze attuali (sia chiuse che aperte) comunque sono in grado di mettere in luce eventuali alterazioni, per cui se i suoi esami (di risonanza, ma anche visite cliniche, esami del sangue e quant'altro) hanno dato esito negativo, non c'è motivo di dubitarne. Tenga presente che la sua preoccupazione peggiora i suoi sintomi (come sempre succede, sia in caso di malattie organiche sia in caso di problematiche "psicosomatiche"). Per il futuro, come giustamente ha letto in giro, quando dovesse sottoporsi ad esami rm, preferisca quelli effettuati con macchinari chiusi (claustrofobia permettendo).
[#2] dopo  
Utente 685XXX

Iscritto dal 2008
Gent.le,


Dott, Giordano, la ringrazio per la celere risposta, quindi opterò per effettuare rm controllo all'ipofisi utilizzando macchinario chiuso (non avendo problemi di claustrofobia).

Pensa quindi che non sia necessario eseguire un'altra RM encefalo?


grazie e buon lavoro.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Giordano
32% attività
8% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
No, non è necessario se la motivazione è l'apparecchio aperto.
[#4] dopo  
Utente 685XXX

Iscritto dal 2008
Grazie ancora per la risposta.

Si la motivazione è proprio l'apparecchio aperto.

seguirò i suoi consigli.