Utente 633XXX
Buon Giorno Dottori,

Mia mamma, 64 anni, ha un carcinoma duttale infiltrante N.A.S. di grado istologico 3 e di grado nucleare 3. dimensioni 25mm x 17mm
RE=negativo
RP= negativo
HER2 = 3+
recettori per Estrogeni (MoAb 1A6): Negativo
Recettori per Progesterone (MoAb 1A6): Negativo
Attività citoproliferativa (MoAb): 60%
Il risultato è espresso come percentuale di cellule tumorali positive
c-erbB2 (MMoAb CB11) score 3+
Score 0 = Negativo
Score 1+ = negativo
Score 2+ = possibilmente positivo
Score 3+ = positivo

Mi potreste aiutare con questo problema perchè i medici in ospedale non dicono niente, "solo non si preoccupi".

Da alcune ricerche su internet mi sembra di capire che il cancro di mia mamma è aggressivo e difficile da sconfiggere, è giusto?
Ho letto che un buon rimedio per HER2: 3+ potrebbe essere una cura con Chemioterapia + trastuzumab, questo secondo medicinale è già in uso?
Quali sono le probabilità di sconfiggere questo male al giorno d'oggi?
Quale terapia consigliate?

La prossima settima farò i raggi in diverse parti del corpo per vedere se qualche organo è stato contaggiato poi da venerdì inizierà con la Chemioterapia per la riduzione del nodulo per poi asportarlo.

Rimango in attesa di una Vs. rispota.
Ringrazio anticipatamente per il vostro aiuto
Saluti
[#1] dopo  
Dr. Roberto Saccozzi
20% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2008
Gent.Sig.ra è sicuramente una forma più aggressiva, ma le terapie consigliate con chemioterapia e trastuzumab ( che è usato da alcuni anni)sono molto efficaci. Si affidi ai suoi medici con fiducia.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 633XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio Dr.Roberto per la sua pronta risposta.
Le chiedo gentilmente un'altra informazione, come si può giudicare la malattia di mia mamma, precoce, media o avanzata? non riesco a capire dai dati che ci hanno dato.
può essere che la malattia si sia gia sparsa per il corpo?

Rimango in attesa di una sua risposta
La ringrazio anticipatamente per la sua collaborazione,
Saluti
Marco
[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
come già detto dal collega Saccozzi, dall'esame istologico si evincono alcuni fattori a prognosi sfavorevole, ma che permettono di recuperare punti con l'utilizzo di un farmaco molto efficace quale l'Herceptin.
Riguardo la sua seconda domanda, nei dati da lei esposti, manca lo stato linfonodale e gli esami stadiativi (scintigrafia ossea, rx torace, ecografia addome...); è grazie a questi dati che si può dare una risposta alla sua domanda.
[#4] dopo  
Dr. Roberto Saccozzi
20% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2008
Gent.Sig.ra l'esame istologico completo e la stadiazione della malattia permettono di conoscere la situazione allo stato attuale. Per il futuro si possono solo dare delle percentuali di rischio senza poter personalizzare la prognosi.
Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Utente 633XXX

Iscritto dal 2008
Salve,

Vi ringrazio per le Vostre risposte,

Dopo alcuni mesi di terapia con Tamoxifene + Hercepin, il carcinoma di mia madre e' scomparso del tutto senza lasciare traccia per una possibile marcatura pre-operazione.

Ora Il mio quesito e' il seguente, come faranno ad operarla senza sapere con assoluta esattezza dove si trovava il tumore?
Cosa comporta questa non marcatura?
Cosa consigliate di fare?
Vi ringrazio per il Vs. aiuto,

Porgo Distinti Saluti
Marco C.
[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Bellla domanda !
Ma avrebbe dovuto farla agli specialisti curanti.

Molte scuole, prevedendo questa evenienza, sono soliti addirittura
marcare sulla cute con un tatuaggio indelebile il tumore primitivo ovviamente PRIMA della terapia neoadiuvante.

Apprezzi comunque il lato positivo: la scomparsa completa,
almeno alla rilevazione clinico-strumentale, in risposta alla terapia della neoplasia.

E questo è senz'altro un dato molto favorevole.

Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 633XXX

Iscritto dal 2008
Buona Sera Dr. Salvo Catania,

La ringrazio per la Sua pronta risposta.

Questa domanda l'ho posta anche al Dott.ssa curante però mi ha risposto dicendomi solamente " non si preoccupi, abbiamo i discetti dei test precedenti e sappiamo dove era". Pero' sicuramente questi non idicheranno mai con assoluta precisione la posizione esatta del tumore.

Esiste un metodo per risolvere questo problema?

Ringrazio anticipatamente

Distinti Saluti
Marco C.
[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se le hanno risposto "sapevamo dove era" è questa la risposta.