Utente 276XXX
Nel novembre 2004 ho fatto una visita allergologica con prick test per allergeni inalanti.
Diagnosi: positività dei test allergologici, olivo e graminacee giustifica rinite allergica primaverile; positiva ricerca di eosinofili su secreto nasale nel periodo invernale (però niente allergia agli acari, alla polvere ecc...)
Terapia: cpr 1 aerius al dì e flixonase spraynasale (l’otorino ha poi sostituito lo spray nasale con il Kesol).
Si consigliava di proseguire tale terapia anche nel periodo invernale a cicli di 20 gg.
Ho tentato di interrompere la terapia ma l’allergia era molto disturbante così ho dovuto assumere l’antistaminico in modo continuativo.
Dal mese di settembre ho continue crisi di rinite allergica e l’aerius non sembra far più niente, è possibile che mi sia abituata e devo cambiare farmaco?
In autunno ed inverno ci sono pollini? (abito a Milano)
Se dovessi rifare gli esami, quanti giorni prima devo interrompere l’antistaminico?
mi consiglia sempre il prick test o ci sono altri tipi di esame da fare?

Grazie dell’attenzione.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto
48% attività
20% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
gentile utente
di solito gli antistaminici non portano assuefazione.In autunno ed inverno ci sono i pollini .In autunno c'è il secondo picco della parietaria,in inverno ci sono i pollini di alberi,come la betulla e il cipresso.Tenga presente che oltre ad una sensibilità specifica a pneumoallergeni vi è una reattività aspecifica dovuta a vari fattori,quali inquinanti vari,fumi,odori chimici,muffe,etc,questo può concorrere nella persistenza dei disturbi rinitici.Adesso non si differenzia più una patologia allergica da un'altra,si parla di marcia allergica,definendo così una compartecipazione a volte simultanea o progressiva dell'epitelio bronchiale con la mucosa nasale.Anche il fumo di sigaretta ,attivo o passivo,può scatenare una broncoreattività o una rinoattività aspecifica.Se deve effettuare le prove allergiche deve sospendere l'antistaminico almeno per 7 giorni.Oltre i classici prick test ,esistono le prove di scatenamento nasale,oppure l'immunocap come prova di laboratorio.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dr. Pinto,
La ringrazio e Le sono grata per la risposta chiara e precisa che mi ha dato.
Se posso ancora disturbarLa ho visto che sull'esame che ho fatto nel 2004 risultava anche l'allergia all'istamina, il medico mi aveva detto che era una cosa normale infatti non ne ha fatto menzione nella diagnosi. Può aiutarmi a capire in cosa consiste?

La ringrazio molto dell'attenzione che mi ha dedicato.
[#3] dopo  
Dr. Gaetano Pinto
48% attività
20% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
gentile utente
nell'esecuzione dei prick test,ci sono due controlli ,uno positivo costituito da istamina,sempre positivo che serve da raffronto e da quantizzazione della risposta allergica al fattore testato.L'altro è il controllo negativo,costituito da sostanza inerte,che in alcuni casi può dare anch'esso positività.Quindi la positività all'istamina è di regola normale
di nuovo saluti
[#4] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille dottor Pinto è stato chiarissimo come sempre.
Mi complimento per il modo esaustivo e preciso con il quale ha risposto alle mie domande. Ci vorrebbero più medici come Lei!

Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Gaetano Pinto
48% attività
20% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile signora
la ringrazio molto dei complimenti,molto graditi
Auguri e cordialissimi saluti