Utente 278XXX
Buongiorno,
Scrivo per un problema che sta seriamente minando la mia relazione di coppia. Il mio ragazzo ultimamente soffre di eiaculazione precoce, i nostri rapporti non sono mai durati tanto( se non la seconda volta) ma ad oggi la viviamo come un problema(soprattutto lui) in quanto entrambi non riusciamo a trarre soddisfazione dal rapporto e questo gli comporta frustrazione, senso di impotenza, rabbia ecc che non fa altro che peggiorare il nostro rapporto. Arriva a dirmi che secondo lui sono io il problema perchè gli metterei ansia e che con altre persone ció non accadrebbe(ne dubito fortemente). È in attesa di un'operazione per varicocele , ma gli è stato detto che questo problema non implica conseguenze sulla sfera sessuale.
Gli è stata data una risposta corretta? A chi posso rivolgermi per una cura efficace a quello che risulta essere il nostro unico problema? Quali sono le terapie consigliate? È qualcos di fisico o psicologico?Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
il varicocele nonm c' entra nulla con eiaculazione precocxe, che può avere cause psicologiche, infiammatorie (prostata, prepuzio, glande), ormonali (tiroide), malforative del pene. Mandi il fidanzato da collega, che mentre sistema varicocele, sistema anche il resto. In base a causa c' è la terapia adatta.
[#2] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
La ringazio vivamente per la celere risposta. Secondo la Sua esperienza, è un problema che si risolve (se si risolve) in quanto? Oltre al fatto che si tratta di questioni "delicate" e riuscire a portarlo dal medico non è facile.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
cara signorina, se sconfiggiamo i tumori, vuol che non riusciamo a sistemare quella "robetta"? Quanto alla delicatezza provi a spiegargli che quella è una malattia e non una ferita al machismo. Funziona.