Utente 219XXX
Buongiorno,
sono un uomo di 44 anni, longilineo.

Ho sempre sofferto di freddo in inverno, ma da qualche anno la situazione sta peggiorando, ma solo alle gambe. Per quanto riguarda braccia e addome, mi copro abbastanza, ma nella normalità. Per le gambe, sono arrivato a tenere una calzamaglia di pile sotto i pantaloni fino a giugno, ed ho freddo alle gambe (in costume) in piena estate, appena la temperatura scende sotto i 30 gradi.
Adesso sto lavorando a 18/20 gradi con 3 calzemaglia di pile sotto i pantaloni, ed ho ancora freddo, e siamo a novembre (ovviamente, tutti i miei colleghi non hanno freddo).
Molti mi dicono che il mio problema è legato al fatto che ho le gambe magre, senza muscolatura e senza grasso, per cui non si scaldano. Sarà anche vero, ma non conosco nessuno che patisca il freddo alle gambe come me, sono veramente ridicolo. Inoltre, se sopporto il freddo alle gambe, dopo una mezz'oretta inizio ad avere mal di testa e nausea, sto proprio male, e mi riprendo solo con una Vivin C.

Il mio medico di base mi ha prescritto un'eco-doppler alle gambe (arterioso e venoso), ma è risultato normale.

A questo punto la mia domanda è questa: esiste un qualche medico specialista per questi disturbi di freddo che magari dipendono da un problema di termo-regolazione? Magari ho qualche malattia a qualche organo, o qualche carenza di qualche sostanza, che non permettono al mio organismo di mantenere la temperatura corporea nella norma (almeno alle gambe).

Dimenticavo che ho la pressione un pò bassa: 70/105 (più o meno).

Grazie.








[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

se la causa fosse stata a livello dei centri termoregolatori la sensazione di freddo avrebbe interessato tutto il Suo corpo.

Invece, se ci soffermiamo sui valori pressori molto bassi è verosimile giustificare questa ipotermia agli arti inferiori, necessaria per il Suo organismo a concentrare meglio la quantità di sangue in organi vitali e distretti corporei impegnati nelle varie attività della giornata.

Potrebbe consultarsi col Suo Curante e valutare insieme l'assunzione di farmaci in grado di normalizzare la pressione arteriosa.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della gentile risposta.

A proposito del discorso della pressione bassa, avrebbe senso farsi misurare la pressione alle gambe (alle caviglie) per vedere se è più bassa rispetto a quella misurata al braccio?

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Di nulla!

Avrebbe molto più senso effettuare un Ecocolordoppler artero-venoso agli arti inferiori.

Cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della risposta, però come ho detto all'inizio, ho già effettuato l'eco-doppler agli arti inferiori, arterioso più venoso, ed è risultato normale.

Lei parla di Ecocolordoppler, c'è differenza nel mio caso?

Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Le chiedo scusa...mi era sfuggito ^___^

A questo punto un controllo pressorio mi sembra inutile.

Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie.

Ma allora in questo caso, cosa posso fare? Non c'è nessuna spiegazione medica per il mio freddo alle gambe?

Tenga conto che a casa mia, con 26 gradi, tengo la calzamaglia di pile sotto i pantaloni invernali, altrimenti ho freddo !!!!

Eppure sul torso, tengo solo una maglia normale, come tutti, e non ho freddo.

Ci sarà una spiegazione.....
[#7] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

a questo punto la spiegazione più logica l' ha avuta nella mia prima risposta (#1).

Cordiali saluti.