Utente 281XXX
Buongiorno,
prima di tutto vi espongo la mia situazione altrimenti si potrebbe non capire l'intento della domanda.
Ho 20 anni e soffro di ansia che a volte mi scatena attacchi di panico . E' cominciato tutto due mesi fa quando per la prima volta sentivo un nodo alla gola e fame d'aria, ho fatto tamponi faringei e esami del sangue e ovviamente erano a posto, dopodiché è iniziato un circolo di preoccupazione e paura di stare male che mi ha portato ad andare tre volte al P.S. in cui una volta mi hanno fatto un elettrocardiogramma che è risultato normale. Ora purtroppo continuo a non sentirmi bene ed arrivo al punto , se all'inizio il mio battito era accelerato ora ho frequenti extrasistole , anche una ogni quarto d'ora, che non fanno altro che farmi aumentare l'ansia. Ora prendo una pasticca di xanax prima di andare a dormire e la dottoressa che mi segue mi ha consigliato di fare un ecocardiogramma per verificare che non ci sia un piccolo prolasso della mitrale. Secondo voi c'è ragione di preoccuparsi ? potrebbe tutta quest'ansia far degenerare la cosa pure fisicamente?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Penso che il suo problema di attacchi di panico richiedano una terapia idonea, con altri farmaci che non siano il solo Xanax.
Questo farmaco le può alleviare in fase acuta i sintomi ma non la garrisce dal disturbo che lei ha.
Quindi le consiglio di contattare uno specialista psichiatra per una idonea terapia che la guarisca, dal momento che la sua qualità di vita pare scadente
Arrivederci
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta , ma ho già contattato una psichiatra per cercare di risolvere questo problema, purtroppo è vero che la mia qualità di vita è scadente, anzi fa proprio schifo vivere pensando di rimanerci ogni mezzora, forse anche perché ho scelto di diventare un suo collega. Lei però sembra molto tranquilla e mi ha più volte detto che non ho necessariamente bisogno di essere seguito perché mi rendo bene conto che questa situazione non può continuare e non voglio che continui . Purtroppo però queste sensazioni fisiche mi impediscono di prendere il sopravvento e mi abbattono di stanchezza, e ogni stupido sintomo mi fa pensare di stare li li per rimanerci. Speriamo di riuscire ad affrontare la situazione nonostante il mio sistema limbico sembra non essere per niente d'accordo.
Grazie!
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I farmaci moderni sono eccellenti, stia tranquillo, guarirà perfettamente
Auguri per tutto
Cecchini