Utente 285XXX
Buonasera ,
dopo anni di dolori al polso scambiati per una semplice tendinite ,tramite Rm al polso dx mi è stato diagnosticato il morbo di kienbock al 4 stadio con necrosi del semilunare e estensione del polso di solo 18 gradi.
L'ortopedico consultato mi ha consigliato prima possibile un'intervento che consiste nella resezione della prima filiera del carpo.cioè a quanto ho potuto capire dovrebbe asportarmi lo scafoide ,il semilunare ormai morto e non ricordo quale altro osso,inserendo delle protesi!
E inoltre mi ha consigliato fin da subito di indossare un tutore per evitare ,nell'attesa dell'intervento , di peggiorare ulteriormente la situazione!
Secondo voi è una buona soluzione??
Ci sono altri metodi di operazione da considerare?

Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

la resezione della 1a filiera del carpo è una delle soluzioni tecniche previste per questa patologia.

Altre volte si opta per l'inserimento di uno "spaziatore" sintetico o biologico (un tendine dello stesso paziente arrotolato su se stesso) o ancora, in casi ben selezionati, per l'artrodesi (il polso viene bloccato in via definitiva, ma non è certo una soluzione adatta a una donna di 27 anni).

Infine, in casi in cui è compromessa l'intera "architettura" del carpo, si può inserire una protesi totale di polso.
[#2] dopo  
Utente 285XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno dottore,
chiedo ancora gentilmente una sua consulenza.
Ho contattato un altro specialista in chirurgia della mano che mi ha consigliato un intervento diverso che consiste nell'accorciamento del radio precisando che comunque sono in uno stadio in cui è ancora possibile questa opzione.Comunque se l'intervento non dovesse poi funzionare (cosa molto improbabile a suo parere) si proverebbe con un'innesto osseo.
Ora le chiedo secondo lei tra le due operazioni proprostemi quale sarebbe la meno invasiva e quella con un post-operatorio meno lungo??

Nel caso della reseizione mi dicevano 20 gg di fasciatura rigida e poi tanto movimento del polso.
Nel secondo caso invece il dottore dice che devo portare un gesso o comunque una stecca per 30 gg poi un tutore x un altro mese e poi fisioterapia!!

Secondo lei quale sarebbe nel mio caso la soluzione migliore??e soprattutto con la resezione si riprende completamente il movimento del polso o lo si perde??Scusi per le tante domande ma ho trovato due pareri discordanti e volevo sentire anche un'altra opinione da un esperto.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Anche questo intervento ha una sua indicazione, legata alla situazione del semilunare.

Se il Collega, che visionato gli esame da lei effettuati, reputa opportuna questa metodica, non posso io esprimermi "a distanza".

Se fare uno o l'altri intervento dipende quindi dalla situazione attuale del semilunare ma anche dalla scelta del singolo chirurgo, che può avere una maggiore o minore dimestichezza con una tale tecnica oppure che ha osservato una maggiore incidenza di casi positivi con quella determinata metodica.