Utente 107XXX
Gent.issimi Medici,

mia nonna è gonfia ed è visibilmente auntata di peso, abbiamo scoperto che evitava di bere per non dover andare troppe volte in bagno, le abbiamo spiegato che è stato un errore invitandola a bere regolarmente e dandole un farmaco per aiutarla ad espellere liquidi come consigliava il medico di famiglia.

La situazione non migliorava e l'abbiamo portata al prontosoccorso perchè accusava molta stanchezza, parla spesso nel sonno, dorme moltissimo e respira faticosamente, sembra un po' stordita.

In ospedale (la schiana di pozzuoli) abbiamo perso soltanto tempo poichè, dopo averle fatto gli esami (che non ci hanno consegnato), hanno detto che i valori erano nella norma (!) e che non avevano letti disponibili, per cui, volendola ricoverare, avebbe dovuto stare su una barella!!! Mia nonna pesa 92kg e si muove con moltissima fatica, poi in questo stato non riesce nemmeno a muoversi nel sul suo letto!!

è venuto il cardiologo a casa per visitarla, nel frattempo le abbiamo fatto fare le analisi in un laboratorio privato ma hanno fatto un errore e dovrebbero tornare a prelevare il sangue (ulteriore perdita di tempo)... il cardiologo aveva confermato un affaticamento del cuore e dovrebbe tornare a visitarla oggi ma qui nessuno ci dice chiaramente cosa bisognerebbe fare e soprattutto dove andare... i disservizi a livello sanitario, almeno qui in campania, sono a livelli vergognosi. Penso che mia nonna abbia bisogno di un ricovero, è troppo gonfia, ha preso per una settimana i farmaci prescritti dal cardiologo ma non sembra migliorare!

Cosa devo fare ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente, capisco la sua apprensione....ma come crede che noi possiamo aiutarla ?
Tutto quello che posso dirle è di seguire i consigli del cardiologo di fiducia.
Saluti