Utente 695XXX
salve, il problema che ho da esporre è il seguente: per quanto mi riesca agevole scoprire il glande, anche in situazioni di massima erezione del pene, ho difficoltà nel riavvolgerlo. sembra che la base del glande mi si ponga da barriera, ed è un problema che riscontro sia a pene eretto che non. solo dopo una difficoltosa manipolazione della pelle che lo circonda riesco a normalizzare il pene. da cosa può dipendere? esistono particolari esercizi che possono rivelarsi a me utili per arrivare ad una soluzione del problema?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
in condizioni ottimali e normali, la scopertura del glande deve essere agevole sia con l'organo a riposo che in stato di erezione. Ma attenzione anche l'operazione inversa di copertura non deve incontrare ostacoli. Da quello che Lei descrive, ritengo si tratti di una condizione di fimosi (la pelle che ricopre il glande è troppo stretta). Consulti un medico di Sua fiducia che sicuramente sarà in grado, visitandoLa, di porre la giusta diagnosi e quindi proporLe la conseguente idonea terapia.
Eviti esercizi da Kamasutra, unguenti, pomate, linimenti o impacchi...perde solo tempo inutilmente.
Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO