Utente 652XXX
Gentilissimi Dottori,
due mesi fa mi sono sottoposta a trattamento laser"CO2 frazionale mixto"per esiti cicatriziali post acneici dal viso. A parte il risultato estremamente deludente e,nonostante avessi rigorosamente applicatato piu' volte al giorno uno schermo totale, mi sono comparse due vaste aree di iperpigmentazione post infiammatoria. Su consiglio del dermatologo sto applicando idrochinone al 4%(formulazione Kligman)oltre che l'astensione totale dal sole per i prossimi mesi.Ora vorrei sapere se tali iperpigmentazioni sono transitorie oppure se il prossimo anno, al primo raggio di sole saro' punto a capo. Ringrazio anticipatamente per le delucidazioni che vorrete fornirmi.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
16% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, non avendo visione degli esiti discromici post laser terapia che viene a descriverci,la risposta che ne conviene, va presa con tutti i benefici del dubbio,comunque le valga sapere che prestando massima attenzione alla stagione estiva a cui stiamo andando incontro(naturalmente dal punto di vista fotoprotettivo)e con l'applicazione di prodotti depigmentanti,con il tempo, la situazione dovrebbe(mi consenta l'uso del condizionale, per i benefici del dubbio di cui sopra) migliorare.Comunque si ridetermini sempre con chi ha effettuato il trattamento laser.
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Purtroppo, Genitle utente non opssiamo darle una risposta soddisfacente le sue attese: ogni situazione fa capo a sé e deve essere concertata con chi effettua la terapia.

Il consiglio migliore verte da parte nostra in un solo senso: FOTOPROTEZIONE: probabilmente gli esidi discromici di tipo ipercromico sono dovuti oltre che alla sua predisposizione cutanea (esistono tipi di pelli che tendono più di altre a macchiarsi) alla esposizione (anche blanda e breve) con i raggi UV.

Un ulteriore consiglio, visto il suo problema di base (cicatrici atrofiche post acneiche) e l'insucesso della terapia utilizzata, può considerare una ulteriore terapia innovativa (dopo l'ovvio inquadramento di questo effetto secondario) quale in NEEDLING, che sempre più piede sta prendendo nell'ambito terapeutico contro gli esiti cicatriziali post acneici.

ne parli quindi con il suo dermatologo.

cari saluti
[#3] dopo  
Utente 652XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio.