Utente 289XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 21 anni, con diverse intolleranze alimentari ed allergico al peperoncino, forte allergia che mi ha portato ad avere diversi episodi di shock anafilattico.
Mi stavo chiedendo se a queste condizioni posso fare delle donazioni di sangue oppure se mi è totalmente preclusa tale possibilità.
Nel ringraziarVi porgo
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Blandamura
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,

l'avere alcune intolleranze alimentari è semplicemente un handicap per lei, ma certo non per il suo sangue: è quindi assolutamente idoneo come chiunque altro alla donazione.

Allego anche un consiglio riguardo alle sue allergie: porti sempre con sè delle compresse di cortisone ( se già non lo fa ): in caso di contatto accidentale con gli allergeni possono rivelarsi estremamente efficaci.


Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Gent.mo Dr. Blandamura, La ringrazio molto per la Sua tempestiva ed esauriente risposta e per i preziosi consigli dati. Cordiali saluti
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
immagino che il Suo problema col peperoncino sia stato adeguatamente inquadrato, per cui dovrebbe già avere a disposizione tutti i farmaci necessari e dovrebbe già sapere quando e come utilizzarli.
Per quanto concerne la donazione di sangue, dovrà far presente questo problema ai medici preposti alla selezione dei donatori mostrando loro tutti i documenti clinici a riguardo.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Gent.mo Dott Marchi,
La ringrazio per la sua risposta.
In effetti porto sempre con me l'adrenalina - fastjekt in caso di emergenza (peperoncino) e qualche pastiglia di cortisone per eventuali altri allergeni che si manifestano con reazioni diverse.
Sarà sicuramente mia cura esporre il problema al medico presente al centro Avis con le relative documentazioni.
Un Suo collega, in un vecchio post sempre su "Medici-Italia" riferiva di un'ipotetica "sensibilizzazione passiva" in caso di trasfusione e quindi mi sono subito posto il problema...
Nel ringraziarLa per la cortesia, porgo cordiali saluti.
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Immagino che il collega di quel post si riferisse alla donazione di plasma (per uso clinico). Si tratta di questioni non "codificate" dal legislatore per cui la decisione su eventuali restizioni spetta ai colleghi del Centro Trasfusionale al quale farà riferimento.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Ok, La ringrazio di nuovo e buon lavoro.