Utente 289XXX
Gentili medici,
so che il problema è stato già affrontato diverse volte, ho letto i vari consulti, ma dato che presentano tutti elementi di peculiarità ho preferito postarne uno personalmente. Ho già prenotato anche una visita da un andrologo, nell'attesa:

Il mio problema è che la seconda erezione nel corso di una giornata è dolorosa, si tratta di un dolore circoscritto all'area perineale, e che, per quanto possa capirne, sembra riguardare la musculatura della zona. Non pregiudica significativamente la turgidità del pene, ed infatti "stringendo un po' i denti" riesco a completare un secondo rapporto con una normale eiaculazione. Benchè non ritenga nè necessario nè doveroso avere più di un'erezione al giorno (tanto più provando dolore) affinchè il rapporto con la mia partner possa essere sereno, tuttavia non nascondo che mi sembra quantomeno opportuno sapere cosa produca tale situazione che non credo rientri nella normalità (tra l'altro, nel mio caso si aggiunge un problema di eiaculazione precoce che rende abbastanza utile il "bis", ma comprendo si tratti di una questione distinta a cui cercherò di porre rimedio). In sostanza la mia domanda è:
1) da cosa può essere provocato tale dolore?
sub1) ho letto in un consulto ( opinione di un medico riferita da un "paziente" relativa ad un caso analogo) che potrebbe essere semplicemente determinato da una maggiore o minore propensione individuale all'affaticamento muscolare e che non ci sarebbe altra soluzione che ricorrere a farmaci come per esempio l'aulin, è possibile che si tratti di una cosa del genere o è priva di fondamento?

Certo della vostra (già testata) rapidità e competenza, vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fausto Ferrini
24% attività
8% attualità
8% socialità
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Guardi bene ha fatto a richiede una visita Andrologica dove le verra certamente visitata la sua prostata.
non e ' il caso ora di farle una Anamnesi al riguardo ma il collega che la visiterà lo fara' e molto probabilmente Lei potrebbe avere una prostatite,date anche alcune cose da lei riferite.Sara cura del collega ,stia tranquillo esaminarla e richiederle gli accertamenti e la cura del caso.
Cordialmente,dott.F.Ferrini