Utente 235XXX
Buongiorno, ho 18 anni, 6 anni fa operata per un osteosarcoma al femore distale destro, perfettamente guarito.
2 anni e mezzo dopo prime due micrometastasi al polmone destro, naturalmente operate, senza chemio. Un anno dopo un'altra metastasi, operata e trattata con etoposide in pastiglia per sei mesi. 9 mesi dopo nuove metastasi, più grandi, operata con lobectomia del lobo inferiore destro, più parte del diaframma.
Il polmone sinistro è sempre stato pulito, e tutti i chirurghi concordano nel dire che questa sia una rarità.
Dopo la lobectomia ho iniziato con 2 cicli di ifosfamide ad alto dosaggio, ma le metastasi sono cresciute, quindi ho cambiato medicinale ( taxotere più gemitabina), in un primo momento le metastasi sono diminuite, ora "ferme".
Fino a poco ero seguita dal rizzoli, ma ho voluto cambiare e interrompere la chemio e ora sono seguita a milano all'istituto nazionale tumori, dove verrò ricoverqata il 25 marzo.
Il dottore,primario in chirurgia toracica e polmonare mi ha consigliato, di asportare tutto il polmone destro, senza toccare e stuzzicare la malattia, come unica soluzione e come speranza di eliminare definitivamente la malattia, tenendo conto che in sei 6 anni il mio polmone sinistro è sempre stato, inspiegabilmente, intatto.
Ora, vorrei avere altre opinioni, e vorrei sapere quali sono le mie qualità di vita in prospettiva di vivere con un solo polmone..mi chiedo se potrò mai avere figli, o comunque condurre una vita pressocchè normale.
Ringrazio in anticipo per le risposte.
[#1] dopo  
Dr. Andrea Denegri
24% attività
0% attualità
8% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buonasera,

non è facile rispondere senza valutare il quadro clinico nella sua interezza comunque proverò ad esprimere un parere.
Lei ha già subito l'asportazione del lobo inferiore destro ed inoltre ha eseguito una resezione del diaframma che probabilmente potrebbe averne compromesso una completa funzionalità.
Sicuramente avranno valutato la sua capacità respiratoria e sarà risultata compatibile con l'intervento proposto.
E' una ragazza giovane con un polmone destro rimanente con localizzazioni neoplastiche (non ne conosco le dimensioni) ed un diaframma che probabilmente potrebbe aiutarla poco nella respirazione. Questo per dirle che dopo l'asportazione dell'intero polmone la possibilità di condurre una vita normale è altamente probabile (ripeto non conosco tutti i dati come ad esempio i valori spirometrici e scintigrafici) inoltre ciò non dovrebbe influenzare la possibilità di avere dei figli.
Come ultima e doverosa considerazione lei al momento è seguita da un ottimo centro dove sicuramente sapranno darle in maniera più precisa queste informazioni.
E' vero che ogni paziente è una storia "a se'" (caratterizzata da stato generale, collaborazione, grinta......)ma ho avuto pazienti che con un polmone solo hanno ripreso la loro attività di sub, di danza, di canto.


Rimango comunque a sua disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

AD