Utente 276XXX
Gentili Dottori vi chiedo consiglio per mia nonna, una paziente anziana allettata causa precedente ictus ischemico. Essendo immobilizzata a letto ha fatto punture sottocutanee di Eparina (Clexane) come profilassi per il rischio di trombosi. Dopo circa un anno ha sviluppato una sensibilizzazione che le provoca allergia cutanea per cui le è stato sospeso il Clexane e sostituito con Cardioaspirina dal medico curante. Però ho letto che l'uso della cardioaspirina è efficace per le arterie ma non per le vene quindi non fornisce copertura antitrombotica e che è preferibile l'uso del sulodexide, specifico in questo campo (Vessel, nome commerciale). Mi confermate? Potrebbe essere una buona alternativa alle Clexane? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'asprina e' del tutto inefficace nella priofilassi della trombosi venosa.
Le reazioni allergiche alle eparine a basso peso molecolare sono solitamente legarte agli eccipienti e non all'eparina in se' e quindi basta cambiare tipo di eparina a basso molecolare.
La profilassi antitrombotica e' fondamentale per questi pazienti.
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Dottore la ringrazio per la risposta. E cosa ne pensa del sulodexide, il Vessel? Viene utilizzato?
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Quel farmaco fa molto bene ai farmacisti.
L terapia profilattica antitrombotica viene fatta con le eparine
Arrivederci