Utente 196XXX
Mi è stato riconosciuto, nel 1994, un'invalidità civile del 46% per una sidrome di WPW con fibrillazioni atriali.
Quest'anno sono stato colpito da una poliradicolonevrite acuta (Guillain-Barrè) a causa della quale ho perso forza agli arti e la capacità di camminare bene ed ho richiesto un aggravamento.
Sono stato chiamato alla visita presso la commissione invalidi ASL della mia città, portando il vecchio certificato di invalidità e la documentazione della nuova patologia.
In questi giorni è arrivato l'esito:
- codice ICD9
- ai sensi dell'art. 4 legge 5 febbraio 1992 n.104 della legge 05 febbraio 1992 n. 104, la commissione medica riconosce l'interessato PORTATORE DI HANDICAP (COMMA 1 ART 3)
- INVALIDO con riduzione permanente della capacità lavorativa del 34% al 73% (art. 2 e 13 L.118/71 e art 9 DL 509/88)
-Percentuale 46%
- Esonero da future visite di revisione per applicazione del DM 2/8/2007: NO
- Revisione: NO

Le mie domande sono:
- Mi è stata riconosciuta in invalidità de 46% (quindi la percentuale che avevo già) ?
- In caso affermativo come mai non hanno sommato i punti della nuova patologia con quella pregressa? Bisognava riportare i documenti della patologia pregressa oltre che il vecchio certificato di invalidità?
- Dovrò fare altre visite di revisione perodica in futuro?
- Ci sono benefici con questo esito ? Esenzione su farmaci e visite mediche, pass auto per disabili, sussidi economici, altro ?
Grazie
[#2] dopo  
Dr. Nicola Mascotti
40% attività +40
20% attualità +20
20% socialità +20
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

Alle diverse domande che Lei pone posso rispondere come di seguito:

<Mi è stata riconosciuta in invalidità de 46% (quindi la percentuale che avevo già) ?> Si

< Come mai non hanno sommato i punti della nuova patologia con quella pregressa?> Le valutazioni della Commissione in caso di istanza di aggravamento non comportano una somma della percentuale di invalidità della visita precedente con una ulteriore percentuale derivante dalle ulteriori infermità, bensì viene effettuata una nuova valutazione, considerando tutte le infermità sussistenti al momento dell'istanza. Ne consegue che non sempre un'istanza di aggravamento comporta un incremento della parcentuale di invalidità riconosciuta; in alcuni casi, anche se rari, si potrebbe determinare pure una riduzione della percentuale rispetto all'accertamento precedente, se le infermità preesistenti sono migliorate.

< Bisognava riportare i documenti della patologia pregressa oltre che il vecchio certificato di invalidità?> Anche se le infermità preesistenti non sono clinicamente peggiorate, sarebbe stato opportuno esibire la documentazione sanitaria riguardante i controlli effettuati per tali infermità successvamente al precedente riconoscimento.

<Dovrò fare altre visite di revisione perodica in futuro?> No, a meno che non vengano disposte dagli Enti competenti revisioni straordinarie.

<Ci sono benefici con questo esito ? Esenzione su farmaci e visite mediche, pass auto per disabili, sussidi economici, altro ?> Per quanto è a mia conoscenza, gli unici benefici di cui può godere sono l'iscrizione alleliste di collocamento mirato (se non è in attualità di lavoro) e la gratuità di eventuali protesi od ausili. Può comunque verificare ciò ai seguenti links:
http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=h&c=9900
http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=h&c=4401
http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=h&c=6607

Distinti Saluti.