Utente 682XXX
Salve, ho 58 anni e da almeno un anno soffro di calo del desiderio sessuale. Addirittura negli ultimi mesi la libido si è "azzerata".
Non ho piu' rapporti sessuali con mia moglie ed ho perso interesse per la materia in oggetto. Ho sempre imputato ( ed imputo ) la colpa la mio stato d' ansia perenne che ha pesantemente condizionato sin dalla gioventu' la qualità della mia vita. Comunque sollecitato da un andrologo ho eseguito alcuni esami ormonali che gli sottoporro'.
Esame Risultato Valori di riferimento
FSH 6.2 13-70
LH Plasmatico 5.7 20-70
PROLATTINA 6.4 2.1-17.7
TESTOTERONE PLASMATICO 6.67 2.41-8.27
TESTOTERONE LIBERO 3.0 5.6-40.0
Insomma, tutti i valori sono nella norma fuorchè il testoterone libero,
puo' da solo giustificare il calo/azzeramento del desiderio sessuale ?
Esiste una relazione fra il valore del testoterone free e l' ansia ?
Grazie e cordiali saluti




Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente,
è normale che dopo i 50 anni ci possa essere un leggero calo del testosterone che comunque nel suo caso è solo quello libero.
l'ansia vista come condizione di disagio spicologico può causare anche disturbi a livello sessuale, continui l'iter con il suo andrologo per valutare se esistono casue organiche o eventualemnte solo psicologiche
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
in buona parte il testosterone viene sintetizzato dai testicoli. Rispetto alla forma totale, solo una piccola percentuale, circa l'uno-tre per cento, è in forma libera, ovvero non è legato a proteine e quindi è "disponibile" e pronto ad entrare nei tessuti. Questo aspetto è molto importante da prendere in considerazione quando si vuole determinare il livello di testosterone "vero" nel sangue. Infatti il corretto indicatore, che ci segnala un eventuale deficit di testosterone, è proprio la quota libera.
E' questo il suo problema che deve essere attentamente valutato con il suo andrologo. Certo esiste una correlazione tra riduzione del testosterone e l'ansia , l'età , ecc. Ed infine esiste una correlazione tra calo del desiderio e riduzione del teststerone, soprattutto se si riduce la quota libera.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it


[#3] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Sono d'accordo con il Dott. Beretta sull'importanza del testosterone libero;
aggiungerei anche che il testosterone libero comunemente dosato nei vari laboratori non è l'esatta espressione del testosterone libero; andrebbe calcolato attraverso il dosaggio dell'SHBG e dell'albumina.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 682XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per le chiare risposte. Dato il mio deficit di testoterone libero
( misurato col metodo RIA ) si puo' parlare di ipogonadismo, vale la pena provare una terapia ormonale ? La terapia in oggetto puo' agevolare
la formazione di tumori alla prostata ?
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
il dato non indica di necessità nessun ipogonadismo poi,
prima di impostare una terapia di questo tipo, è sempre indicata in modo categorico una valutazione clinica diretta da parte di un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Non ci sono rischi di tumore prostatico se la terapia androgenica (testosterone) viene data con la posologia corretta ed opportunamente monitorata.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
come giustamente detto dal collega Maio, alla sua età una eventuale terapia con androgeni (testosterone od altro) richiede sempre una puntuale e continua monitorizzazione della prostata da parte di un esperto andrologo od urologo.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#8] dopo  
Utente 682XXX

Iscritto dal 2008
Navigando tra i vari siti ho verificato che sembra che esista un forte legame tra la carenza di testosterone libero e la probabilità di ammalarsi di Alzheimer. Insomma la cosa incomincia relmente a preoccuparmi. Volevo solo far notare che comunque ho normali/ frequenti erezioni notturne spontanee, mentre mi risulta che una carenza di testosterone libero dovrebbe inibire questo processo.
Conviene rifare l' esame ?
Tra le vostre risposte una poneva dei dubbi sulla metodologia eseguita normalmente dai laboratori per l' acquisizione del valore del testosterone free. Io vivo a Milano , ci sono laboratori piu' specializzati di altri ( il laboratorio coinvolto nelle mie valutazioni è un noto laboratorio di Brescia )? Ovviamente ho prenotato una visita andrologica ma mi è stata fissata a metà luglio.
Grazie
[#9] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,
il testosterone è un ormone "globale", erroneamente considerato soltanto come ormone sessuale, l'ormone è molto importante ad es. nel tessuto osseo dove una carenza può provocare osteoporosi grave, lo è anche a livello muscolare e psichico.
Detto questo però va anche detto che la correlazione con l'alzheimer è stata ipotizzata da qualcuno ma certamente non ancora dimostrata.
Quanto alla valutazione del testosterone libero ed alla necessità di terapia con testosterone questa va valutata da parte di un esperto andrologo.

Cordiali saluti
[#10] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,
il testosterone è un ormone "globale", erroneamente considerato soltanto come ormone sessuale, l'ormone è molto importante ad es. nel tessuto osseo dove una carenza può provocare osteoporosi grave, lo è anche a livello muscolare e psichico.
Detto questo però va anche detto che la correlazione con l'alzheimer è stata ipotizzata da qualcuno ma certamente non ancora dimostrata.
Quanto alla valutazione del testosterone libero ed alla necessità di terapia con testosterone questa va valutata da parte di un esperto andrologo.

Cordiali saluti