Utente 390XXX
Salve dottori, volevo avere diverse informazioni sul cymbalta.
Ho incominciato ad assumerlo un mese fa a 30 mg, dopo una settimana a 60(ieri ho concluso la terza settimana a 60 mg).
Devo dire che sto abbastanza male, sempre nausea stanchezza, spossatezza e malessere con una bella dose di ansia.Prendo oltre il cymbalata due compresse di modalina da 1 mg ciascuna.

Io soffro di ansia generalizzata con diverse somatizzazioni sia di sensazioni che fisiche, ho assunto per un anno e mezzo buspar 3da 10 mg piu modalina.sono stato molto molto meglio, ma ultimamente cominciava a darmi dei problemi cosi' la mia dottoressa ha pensato di sostituirlo con il cymbalta, a sua parere farmaco nuovo e che funziona meglio.

Ora le mie domande sono queste:
Il cymbalta dopo quanto tempo incomincia a dare benefici??devo attendere ancora??

Il cymbalta agisce sulle somatizzazioni??e sull'ansia??

Vi prego oltre rispondere alle domande che vi ho posto, potreste dirmi qualcosa in piu?? sto veramente male!

Vi ringrazio infinitamente!!

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

in genere il trattamento agisce dopo circa 3 settimane a dose piena, i benefici sono possibili fino alla sesta settimana.
Il cymbalta agisce sulle somatizzazioni se sono tali.
In genere per ridurre la quota d'ansia presente e' utile l'associazione con una benzodiazepina per i primi periodi.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
ad integrazione di quanto già espresso dal collega, le posso aggiungere il cymbalta ha un dosaggio d'azione variabile tra i 60 ed i 120 mg e che nel suo, come in tutti i casi, per ottimizzare la posologia, occorre valutare l'effetto benefico e gli eventuali effetti collaterali. Talvolta è proprio quest'ultimo aspetto che richiede un valutazione approfondita.
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com

[#3] dopo  
Dr. Claudio Lorenzetti

24% attività
4% attualità
12% socialità
VIGEVANO (PV)
BIENTINA (PI)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
sicuramente se dopo 4 settimane di terapia non si ha una risposta con la duloxetina, a mio avviso è necessario cambiare strategia terapeutica: non è portando la dose a 120 mg/die che si hanno significativi miglioramenti, se non esclusivamente sul tono dell'umore. Anche se la casa farmaceutica produttrice propaganda il farmaco come un prodotto valido nei disturbi d'ansia (peraltro all'estero sono in corso addirittura delle registrazioni con questa indicazione), dalla mia personale esperienza questo farmaco risulta decisamente più efficace nelle depressioni con scarsa componenete ansiosa, al limite con un'ansia più somatizzata e non psichica. Ciò è spiegabile da un punto di vista del meccanismo d'azione del farmaco (combinato potenziamento dell'attività di serotonina e noradrelina: solo la prima ha un effetto inibitorio sulla componente ansiosa mentre la seconda ha addirittura un effetto opposto). Per tale ragione ritengo scarsamente praticabile l'associazione con una benzodiazepina soprattutto perchè questa dovrebbe essere mantenuta nel tempo in trattamento per modulare la situazione, cioè esattamente al contrario di come devono essere usate le benzodiazepine. Francamente mi sembra di gran lunga più semplice utilizzare un inibitore selettivo della serotonina (cioè un farmaco della classe SSRI)anche in monoterapia, prima di tentare una terapia farmacologica combinata sin dall'inizio del trattamento. Quest'ultima situazione sarebbe auspicabile solamente nel caso di diagnosi di una depressione dello spettro bipolare: in questo caso più che la modalina sarebbe utile uno stabilizzatore del tono dell'umore abbinato all'antidepressivo. Tenga infine presente che ciò che ho scritto è una risposta generica ad una domanda generica sul funzionamento di un farmaco: non conosco la sua diagnosi e non l'ho visitata per cui non sono in grado di dare delle risposte precise e risolutive oltre che personalizzate.
Cordialmente.
Dr. Claudio Lorenzetti

[#4] dopo  
Utente 390XXX

Grazie dottori per le Vostre risposte, volevo aggiornarvi sulla mia situazione e chiedere un Vostro parere.

Da sabato scorso a giovedi' sono praticamente scomoparsi tutti i sintomi,(ansia, malessere, sudorazione,mal da gambe, pesantezza degli occhi e delle spalle) poi ieri come per magia sono tornati...anche se non tutti...ansia malessere stanchezza e dolori alle gambe..sono un po' nel panico perche' non riesco a contattare la mia dottoressa che mi aveva suggerito(lunedi) di aspettare venerdi' e vedere se la situazione migliorava ancora di piu' nel caso non fossi stato completamente bene avremmo aumentato a 90 mg il Cymbalta..
Ieri pero' mi sono tornati i sintomi e non so proprio che fare dato che non riesco a contattare la mia dottoressa.
Sono sicuramente sintomi somatici per esempio il mal di gambe appena sveglio ovviamente senza aver fatto nessuno sforzo.
Vi ringrazio anticipatamente per i consigli che mi darete.
Nel post precedente dimenticavo di dire che al bisogno assumo rivotril in gocce.

[#5] dopo  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
la complessità di una consulenza come questa richiede una valutazione psichiatrica adeguata attraverso una eventuale rivalutazione da parte del suo psichiatra di riferimento.
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com