Utente 306XXX
Buongiorno
ho 49 anni. Nel corso della mia vita, dai 17 ai 45 ho ecceduto con la masturbazione fino ad avere difficoltà nei rapporti sessuali, mancanza di erezione, perdita di sperma alla minima eccitazione anche senza erezione.
Da 4 anni lavoro per arginare il problema e sto cercando di azzerarlo del tutto con alterne fortuna, ma sono ottimista.
Oggi ho difficoltà nel mantenere l'erezione anche con la masturbazione.
Ho letto che la masturbazione eccessiva potrebbe distruggere i nervi del pene e la microcircolazione sanguigna.
E' vero? Ed esistono dei rimedi?
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
La masturbazione compulsiva conduce a una diminuzione del desiderio sessuale e della validità dell'erezione per un meccanismo legato solamente alla eccessiva attività sessuale ,ma non comporta danni fisici . Ovviamente il problema va inquadrato correttamente con un andrologo per valutare eventuali ulteriori fattori di rischio come ipertensione ,ipercolesterolemian, fumo ecc. Ecc.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 306XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno
ringrazio il Dr De Siati.
La mia pressione è tendente al basso (115 75 di media), colesterolo 222, fumo al massimo 2 - 3 sigarette a settimana (di solito la domenica), mezzo bicchiere di vino a cena, bibite gassate molto poche, birra 1 volta alla settimana al massimo. Altri valori delle analisi sangue e urine nella norma. Palestra aerobica 3 - 4 volte alla settimana, la domenica al golf.
Il desiderio non manca, ma temo di aver compromesso la sfera sessuale,anche perchè ho fatto uso abnorme della pornografia.
Spero che astinenza e rilassamento mentale mi aiutino.
Sto provando a smettere con la masturbazione dandomi un obiettivo, ossia il 30 settembre.
Nulla nella mia vita nulla ha mai virato a vizio come la masturbazione, non il bere o il fumo o il mangiare o la televisione.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giacomo Luigi Del Monte
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile utente
"ho ecceduto con la masturbazione fino ad avere difficoltà nei rapporti sessuali, mancanza di erezione,..."
perchè collega l'eccesso di masturbazione ad una perdita d'erezione?

"Da 4 anni lavoro per arginare il problema e sto cercando di azzerarlo del tutto con alterne fortuna"
che significa lavoro per arginare il problema?
attualmente ha una compagna? ha avuto storie lunghe nella sua vita?
[#4] dopo  
Utente 306XXX

Iscritto dal 2013
Salve
collego masturbazione e deficit erettile perchè ho iniziato ad accusarlo in un periodo in cui mi dedicavo solo all'autoerotismo anche senza raggiungere l'erezione. Quando parlo di eccesso, intendo proprio eccesso, anche 8 volte al giorno tra i 25 e i 30 anni.
Lavoro per arginare il problema significa che cerco di non masturbarmi se non con lunghi intervalli.
Ho una moglie da 20 anni, da un pò non abbiamo rapporti ma conosce il problema del deficit. Per alcuni anni i rapporti sono stati normali nonostante il mio vizio.
Prima di lei, e prima del periodo peggiore di masturbazione, solo storie non lunghissime, che si esaurivano come tante, con attività sessuale che non presentava problemi.
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giacomo Luigi Del Monte
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
il deficit erettile può avere diverse cause e le domande che le ho posto e per capirne qualcosa di più.
ad esempio mi domandavo come mai lei avendo da 20 anni una moglie sentiva il bisogno di ricorrere all'autoerotismo...è possibile ad esempio che nonostante lei smetta l autoerotismo la disfunzione si presenti ugualmente non necessariamente perchè ha smesso l'autoerotismo ma per altri motivi non necessariamente organici che dovrebbe sicuramente approfondire.
Forse parlarne oltre che con andrologo anche con uno psicoterapeuta potrebbe aiutarla a trovare una soluzione al perchè e al suo "bisogno di eccedere" nella masturbazione
buone cose
[#6] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Concordo con il collega sul fatto che lei debba inquadrare il suo problema anche da un punto di vista psico-sessuologico che nel suo caso potrebbe avere una importanza rilevante .
distinti saluti
[#7] dopo  
Utente 306XXX

Iscritto dal 2013
Salve
per il percorso da seguire mi sta aiutando il medico curante, del quale ho una grande stima. Mi ha parlato anche dell'aspetto psicologico del problema, ma vuole procedere per gradi perché, conoscendomi, sa che sono una persona che cerca di forzare la tappe. Ma mi ha spiegato che non è il caso. L'idea è iniziare con i controlli puramente clinici. Ho perso molto tempo, guadagnare alcuni mesi non mi interessa.
Mi rendo conto che smettere la masturbazione potrebbe non portare alcun beneficio, ma spero anche nessun maleficio.
Ho scoperto la masturbazione a 13 anni con una rivista trovata per strada. Ricordo quel momento come fosse ieri. Poi senza problemi fino ai 17, masturbazione sporadica e rapporti con ragazze.
La disponibilità di pornografia, dai 17 anni, mi ha letteralmente risucchiato. Non sono riuscito a sganciarmi. Non sono riuscito a chiedere aiuto. Penso che il problema possa essere più la pornografia che non la masturbazione.
Da ragazzo sono stato molto corteggiato e ancora oggi riesco ad attirare l'attenzione della componente femminile che mi incontra per la prima volta durante una cena o in altre occasioni o al lavoro. Sono sempre di buonumore, lo sono stato anche nei periodi peggiori della mia vita. Mi giudicano divertente.
Posso affermare che la pornografia è stata la maledizione della mia vita.
Sicuramente dovrò affrontare anche l'aspetto psico-sessuologico.
Saluti
[#8] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
alle indicazioni dei Colleghi, le allego qualche lettura su pornografia e sessualità.

Credo che un approfondimento psicologico debba essere effettuato, per comprendere le cause del suo legame con l'autoerotismo, consideri che spesso la sessualità "solitaria", può diventare totalmente sostitutive di una "condivisa", coprendo altre problematiche e compromettendo la quota relazionale della sessualità.

Le maledizioni, si combattono...stia sereno.

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/647/Pornografia-dipendenza-senza-sostanza-e-calo-del-desiderio
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/2985/Pornografia-ed-immaginario-erotico-come-internet-ha-stravolto-le-fantasie
[#9] dopo  
Utente 306XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno
La masturbazione é certamente diventata completamente sostitutiva. Anzi, in alcuni momenti la preferivo al rapporto sessuale, e in alcuni momenti di DE, non mi sono preoccupato proprio perché avevo quel rifugio. Ho provato più volte a smettere; non sapevo da chi farmi aiutare, il medico mi prescrisse Andriol, parlarne ai miei era improponibile. Il mio medico curante mi ha detto che mi seguirà passo passo e che sarà lui ad indicare il momento per l'approfondimento psicologico. A 12 - 13 anni avevo già approcci con le amichette, disturbati dalla rivista descritta precedentemente. Oggi devo combattere con il tempo perduto.
Saluti
[#10] dopo  
Utente 306XXX

Iscritto dal 2013
Salva
La Dssa Randone é come fosse qui. Gli articoli che mi ha segnalato mi fotografano quasi in pieno. Mi sta mancando il meccanismo di ripetizione dell'autoerotismo non la masturbazione vera e propria. E mi mancano le immagini, ma lotto: le penso, ma non le cerco. Mi sento come se avessi aperto gli occhi dopo anni di esistenza inconsapevole. Provo disagio, oggi, per il tempo perduto, non per le occasioni di sesso mancate, ma per le possibili relazioni che ho evitato. Ci sono stati periodi recenti in cui il sesso vero andava bene, soddisfacente per tutti (ho avuto una relazione extra) ma, con il senno di poi, era solo un complemento alla masturbazione. Il mio medico dice: prima test clinici, poi con gli esiti, la psicologia.
Saluti