Utente 485XXX
buongiorno dottori,
so che questo post è già stato inserito molte volte e ho cercato di leggerli tutti.
So che la tachicardia in gravidanza è fisiologica e se legata all'ansia poi peggiora ancora di piu.
Ho 39 anni, sono alla 24 settimana, e già prima della gravidanza per tachicardia legata all'ansia prendevo un pezzettino minuscolo di seles beta e 5 gg di xanax. Ansia legata a un tumore al seno avuto 3 anni fa.
con la gravidanza ho smesso tutto.
in questi 5 mesi ho già avuto tachicardia in momenti particolari, ma poi riuscivo a fare la vita di sempre e uscire a lavorare.
Ora è una settimana che la cosa è peggiorata, immagino anche per la bimba che porto in grembo, per il volume di sangue aumentato, per il peso (anche se ho messo su solo 4 chili e sono molto magra)
Solo che starei sdraiata sul divano sempre, non uscirei, non andrei a fare esam o spesa, insomma le cose piu semplici, nè in vacanza in certi momenti...
La cardiologa (faccio eco cuore ogni due mesi e ho un lieve prolasso mitralico) mi ha fatto fare esami tiroide, perchè ho tiroidite cronica (sballati sono solo gli anticorpi, ma tsh, ft4 sono nei limiti), e mi ha scritto eventualmente di prendere metaprololo.
La mia domanda è : conviene prendere il metaprololo come cura giornaliera o dello xanax, oppure lascio che la tachicardia si risolva da sola, nell'arco della giornata perchè questa tachicardia siamo sicuri che non faccia male al feto?
insomma...i miei battiti che a riposo sono sui 90 (e so che vanno bene) ma appena mi metto al pc, o vado in bagno si alzano a 130/150, per non parlare di quando vado a fare una passeggiata, danneggiano il feto e quindi è meglio tenerli piu bassi e prendere una pastiglia, col rischio che cmq questa pastiglia faccia male alla bimba?
grazie....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le rispondo da cardiologo..... personalmente preferirei che lei non assumesse alcun farmaco poichè l'incremento dei battiti in gravidanza, come nel suo caso, è fisiologico e quindi può tranquillamente essere accettato....Capisco la sua ansia, ma se non veramente necessario meno farmaci vengono somministratiin graviodanza e meglio è......per ulteriori delucidazioni deve far riferimento al suo ginecologo di fiducia....
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 485XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio dottore per la risposta.
In effetti anche io preferisco non prendere farmaci, e sto evitando.
La mia ansia preesistente la posso accettare, l'importante per me è sapere che anche se faccio tutto il giorno con 120 battiti per dire, o se ho punte di mezzora a 150, non succede nulla alla bimba.
E' questo che mi fa crescere l'ansia, il fatto che la mia tachicardia possa arrecare dei danni al feto, di origine cardiologica o di crescita importanti.
Solo con tale motivazione assumerei dei farmaci...