Utente 123XXX
Buongiorno e grazie in anticipo per colui mi rispondera' togliendomi un dubbio che ormai mi affligge da un paio di giorni..
Premetto di essere un ragazzo ansioso ed un po' ipocondriaco, non per altro un paio di giorni fa in seguito ad una serie ripetute di testate contro lo stipite della nuova porta del bagno di casa con conseguente mal di testa e semi perdita di coscienza mi sono recato al pronto soccordo dove mi sono sottoposto ad una tac per controllare che tutto fosse ok...
Il mio dubbio sorge nel fatto che:
1durante la tac x una frazione di secondo involontariamente ho aperto gli occhi..questo puo' causare danni?
2non mi e' stata messa alcuna protezione ne attorno al corpo tanto meno sui genitali. e' normale che sia cosi'?
3Faccio l'assistente di volo quindi penso che di radiazioni ne prenda gia' a sufficienza.. Il fatto di aver dovuto lavorare i giorni seguenti la tac puo' essere stato dannoso e la tac in se e' veramente pericolosa come si dice ed emana cosi tante radiazioni aumentando il rischio futuro di un brutto male nella zona in questione..

aspetto una risposta da chiunque sia a conoscenza di questo argomento cosi da poter placare la mia ansia e dubbi i quali non mi fanno vivere tranquillo....

grazie 1000 e buona giornata..

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Portolano
24% attività
4% attualità
12% socialità
CAVALESE (TN)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
caro Signore,
sarò sintetico:

1) stia tranquillo, non è un problema

2) mettere una protezione è assolutamente inutile ed addirittura inopportuno, perché eventuali radiazioni che vengano dalla parte esaminata anziché atrtaversare il corpo, "rimbalzerebbero" all'interno trattenute dalla protezione stessa... quanto ai genitali, le probabilità di far arrivare un fotone X (un "raggio") dal cranio ai genitali è praticamente non misurabile, così come non misurabile è la dose presa dai genitali in una TC del cranio

3) no a tutte e due le domande...


stia sereno e non si faccia problemi...




sperando di aver chiarito i Suoi dubbi, cordialmente