Utente 319XXX
Salve a tutti!!!! Ho un problema che mi accompagna da 6 anni... Sono una ragazza di 25 anni e all'eta' di 16 anni ho avuto un piccolo incidente con la moto che mi ha provocato la rottura del tendine del mignolo della mano destra. L'indomani andai al pronto soccorso della mia zona andai all'ospedale di Vittoria(rg) sicilia, e subito mi hanno dato questo diagnosi dicendomi di dovermi operare al dito dopo qualche giorno senza darmi ulteriori spiegazioni. Considerando l'eta' e l'ingenuita' io mi affidai completamente alla professionalita' del medico, adesso in pensione, che mi ha operato...ma con pessimi risultati. Ricordo che mi hanno inserito un asta di ferro all'interno del mignolo con un bottone che fuoriusciva dala parte iniziale del dito e un tutore a forma di dito. Ricordo che mi hanno lasciata cosi per 3 settimane non di piu' ma alla fine quando mi hanno tolto il tutto(senza anestesia e sentendo un dolore che ancora oggi ricordo) il dito era molto gonfio arrossato e con una gobbetta. Il medico mi disse di non preoccuparmi e che con semplici movimenti sarebbe ritornato come prima!!! Lasciandomi praticamente cosi. Da quel momento ho sempre fastidio al dito, a volte e ' piu gonfio a volte no, ma la cosa piu' brutta e' che praticamente il dito e' del tutto diverso rispetto a come era prima. E' piu' gonfio rispetto all'altro mignolo, la gobbetta antiestetica non mi permette di muoverlo del tutto per non parlare della matrice del mio dito che e' praticamente storta!!!! Adesso a 25 anni mi chiedo cosa ha combinato quel dottore??? E cosa adesso posso rimediare?! Grazie per l'attenzione, in attesa di una vostra risposta,
Cordiali saluti,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

le informazioni che ci fornisce non sono sufficienti per darle indicazioni precise su cosa conviene fare.

Credo che la cosa migliore sarebbe quella di farsi visitare da un chirurgo della mano, per fare un esatto bilancio del danno residuo e valutare insieme a lei se conviene o meno operare.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dottore per avermi risposto tempestivamente.
Spero di risolvere quanto prima questo problema, anche perche' ho una sensazione proprio strana al dito, aldila' dell'aspetto estetico che non e' il massimo per una mano di una donna, ma sento come se il migliolo all'interno si e' accorciato ecco. Non so se rendo l'idea.
Spero di trovare quindi un bravo chirurgo specializzato nella mia zona, anche se come avra' capito non sono molto fiduciosa. Ho perso un po la fiducia!!
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
L'importante è trovare uno specialista che le proponga un intervento solo se esistono concrete condizioni di ottenere un miglioramento rispetto alla situazione attuale.
[#4] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio nuovamente, non sara' facile ma la cosa di cui ho piu' paura e' che il dito possa sempre piu' peggiorare, dandomi ulteriori fastidi dolorosi e antiestitici. Lei pensa che possa essere possibile??'se non riesco a trovare una specialista che riesca a migliorare la situazione come dovro' procedere?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
La situazione non dovrebbe peggiorare rispetto ad ora.

Come le dicevo prima, si tratta solo di capire se è o meno il caso di rioperare.
[#6] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Grazie....!!!! Non so perche' mi sto facendo prendere dal panico. Fino a qualche mese fa non avevo questi disturbi nonostante l'aspetto estetico. Ho paura che ci sia in corso un'infezione al dito magari per uno sforzo fatto. Ma(scusi la mia ignoranza) ho paura di perdere il mio dito!!!!! Insomma penso al peggio!!!!
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Assolutamente stia tranquillo !
[#8] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Grazie.
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.
[#10] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Gent.mi so che forse non e' il luogo adatto per chiedere un buon consiglio circa lo specialista da scegliere. E' da due mesi che sono alla ricerca di uno specialista ma come faccio a scegliere il piu' adatto?? Non ho nessuna conoscenza in campo e nessuno che possa consigliarmi per bene! A chi posso rivolgermi?! In attesa di una vostra risposta. Cordiali saluti
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Mi stavo chiedendo se, al di là del gonfiore e dell'inestetismo, il dito si estende e si flette normalmente oppure se ha delle limitazioni.
[#12] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio innanzitutto per l'attenzione.
Gentilissimo Dottore il mignolo posso muoverlo, si flette ma non si estende del tutto e c'e' questa gobbetta che si vede e a volte,soprattutto quando ci sono cambiamenti di temperatura, si gonfia diventa rosso e diventa dolente. Io cerco di nasconderlo essendo un mignolo non si nota moltissimo ma a seconda di come si trova mi da piu' fastidi.
Adesso poi sto ricordando un evento molto strano. Ai tempi quando mi tolsero il tubicino di ferro dal dito dopo qualche settimana ricordo che mi faceva un male incredibile ed era gonfissimo come se qualcosa fosse andato storto e rosso molto rosso. Dopo qualche giorno fuoriuscirono i punti che c'erano. Erano neri come quelli della pinzettatrice un po piu' piccoli. Ma ricordo che fuoriuscirono da soli e io dovetti toglierli con una pinzetta, talmente erano in superficie.(il medico che mi ha operato non mi aveva detto nulla circa questi punti) Appena li tolsi il dolore ando' via e il mignolo miglioro' cosi' non mi creai piu' il problema.
Ma con il tempo poi mi resi conto che il dito non e' al massimo!
Spero di esserle stata d'aiuto.
Cordiali saluti
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Bisogna capire se il deficit di estensione è dovuto a una lesione del tendine oppure a rigidità articolare.

Se passivamente riesce facilmente a estendere il dito in modo completo, non c'è rigidità ma solo un problema tendineo.

Sarà molto improbabile, in ogni caso, ottenere grandi risultati dal punto di vista estetico.

Forse qualcosa si può ancora fare dal punto di vista funzionale.
[#14] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille Dottore per la sincerita' preferisco la schiettezza piuttosto che promesse illussorie! L'unica cosa che mi turba realmente e' che questo difetto estetico e' stato creato per incompetenza medica.
Confrontando diversi esperti tutti mi hanno risposto alla stessa maniera: chi ha fatto l'operazione ha sbagliato proprio nell'operare. Cioe' mi e' stato detto che non c'era alcun bisogno di operare e intervenire chirurgicamente. Ma il tutto si poteva risolvere con altri metodi meno invasivi che sicuramente non avrebbero creato il danno estetico!!! Anche perche' adesso la situazione non e' migliorata anzi in piu' ho il danno estetico che prima non avevo!!!
Mi dispiace che ancora oggi con tutte le tecnologie che esistono, non si riesce a risolvere proprio tutto chirurgicamente!!!
Ci tenevo Dottore a ringraziarla.
[#15] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In ogni caso, ormai il danno è fatto.

Si tratta, a mio avviso, di cercare una eventuale possibile soluzione per risolvere perlomeno il deficit estensorio.
[#16] dopo  
Utente 319XXX

Iscritto dal 2013
Grazie.
[#17] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.