Utente 858XXX
Gentilissimi, mi sono sottoposta a 2 sedute di laser co2 frazionato in diverse aree del corpo per trattamento smagliature.

La prima seduta risale agli inizi di gennaio, l'altra agli inizi di aprile. Sulla zona trattata con l'ultima seduta, nonostante siano passati più di 5 mesi, sono ancora presenti i segni lasciati dal laser (iperpigmentazione). Ho seguito scrupolosamente le indicazione del medico e per i primi 4 mesi non ho preso sole. Il medico mi ha rassicurato circa la normalità di questi segni e mi ha invitato a prendere il sole con adeguata protezione in quanto la pelle deve uniformarsi. Io sono di carnagione molto chiara e tendenzialmente mi scurisco poco; in ogni caso ho preso pochissimo sole.

Volevo sapere dai medici che utilizzano questo tipo di laser se è normale avere ancora dei segni a distanza di così tanto tempo. La zona trattata a inizio gennaio non presenta quasi più segni, anche se devo dire che andando al mare ho avuto l'impressione che i vecchi segni lasciati dal passaggio del laser si siano riaccentuati pigmentandosi leggermente di più rispetto alla pelle circostante.

Vi ringrazio per qualsiasi chiarimento in merito.
[#1] dopo  
Dr. Stefano Pau
28% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Buongiorno,
può capitare che il laser frazionato, soprattutto in certe aree del corpo ed in certi tipi di pelle, provochi delle iperpigmentazioni che perdurano anche per svariati mesi.
Se si protegge accuratamente dall'esposizione solare e segue attentamente le indicazioni date dal suo medico di fiducia solitamente la situazione tende ad autorisolversi.
E' normale che un lieve peggioramento vi sia in seguito all'esposizione ai raggi solari, come da lei descritto.
[#2] dopo  
Utente 858XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio moltissimo per la risposta.

Anche il peggioramento in seguito all'esposizione solare tende ad autorisolversi? Ovvero le prossime volte che prenderò il sole non dovrebbe più verificarsi tale problema?

Sinceramente non mi aspettavo un decorso così lungo in merito al quale evidentemente non ero stata sufficientemente informata.

Data la soggettività della reazione credo sia inutile chiederLe di quantificare un periodo di tempo entro il quale la situazione dovrebbe autorisolversi, ma ci provo lo stesso.

L'applicazione di retinolo potrebbe aiutare a velocizzare il processo?

Grazie.