Utente 315XXX
Buona sera, vi spiego la situazione. Fino a un paio di giorni fa avevo una tosse molto forse con muchi gialli, così sono andata dal medico che mi ha prescritto due antibiotici, ciproxin e bentelan entrambi a pillole, e uno sciroppo per la tosse, da prendere per quattro giorni. Appena tornata a casa per alleviare momentaneamente la tosse ho preso subito un cucchiaio di sciroppo. Devo dire che ha funzionato, infatti nom c'era traccia di tosse e non sapevo se prendere o no gli antibiotici. Alla fine li ho presi. Oggi è stato il secondo giorno di antibiotici e non ho quasi niente, solo qualche colpo di tosse ogni tanto. Volevo chiedere, se è vero che l'infezione fosse passata, se continuassi a prendere antibiotici, rischierei che il colpo reagisca a "un'aiuto" inutile, o magari non farebbe niente? Potrei incombere addirittura ad uno shock anafilattico? So che è il secondo giorno quindi se ci sarebbe dovuta essere una reazione allergica da parte del corpo ci sarebbe stata da subito. Comunque volevo chiedere anche: uno shock anafilattico puo' prendere gia' alla prima dose di medicinali non accetti dal corpo, o anche alla seconda, la terza volta? E se si verificasse, accadrebbe dopo qualche minuto, o addirittura qualche ora? Io comunque non ho nessuna reazione indesiderata, ma vorrei risposte a queste domande per sicurezza, anche se le possono sembrare banali per me sono dei dubbi da sciogliere, e chiedo qui perché è davvero uno dei pochi siti seri rimasti. Buona serata.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
non vedo motivi di preoccupazione per quato riguarda ikl trattamento dei suoi disturbi con i farmaci citati, è piuttosto raro pensare ad uno shock anafilattico in seguito all'assunzione con ciproxin, i più frequenti sono semmai in seguito all'assunzione di pennicilline; lo shock anafilattico nei soggetti allergici può accadere anche alla prima somministrazione; ma ripeto le sue sono paure eccessive specialnmente quando i farmaci sono prescritti dal suo medico curante che senz'altro la conosce benissimo come paziente