Login | Registrati | Recupera password
0/0

Ernia al disco e stabilizzazione l5 s 1

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2013

    Ernia al disco e stabilizzazione l5 s 1

    Anamnesi: lombalgia cronica per discopatia degenerativa L5 S1 Refrattaria alle comun terapie. In seguito operato di stabilizzazione circonferenziale di L5 S1. Successivamente l`esame TC pone in evidenza la vite posizionata in S1 che sborda dal soma vertebrale e pare In contatto con i vasi iliaci comuni di sinistra. Eseguite 2 RMN si pone in evidenza una asimmetria con ampliamento dell`emilato di sinistra dello spazio intersomatico, associato a irregolarità Della subcondrale in rapporto a condizione di osteocondrosi e a livello L5 S1 un edema dei tessuti molli paravertebrali posteriori e in misura minore della spongiosa ossea sub condreale. In seguito ho subito 4 operazioni con laser PLDD+ infiltrazione Intra/extraforaminale L5 S1 a sinistra. Tutto questo per dirvi che l operazione che ho subito non ha risolto nessun problema, anzi ne sono sorti degli altri. Richiedo cortesemente un consiglio anche su come comportarmi. Vorrei rivolgermi ad un altro specialista perche` ormai ho un dolore cronico cche Mi rende inabile E ho solo trentanni.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 1117 Medico specialista in: Neurochirurgia

    Risponde dal
    2006
    Egr. signore,
    senza vedere le immagini degli esami cui si riferisce, senza valutare direttamente i Suoi sintomi, senza conoscere nei dettagli tutto l'iter clinico, non è possibile darLe consigli terapeutici.
    Quel che Le posso dire è che,se i sintomi sono importanti e tali da condizionare la Sua qualità di vita, sarà opportuno un nuovo inquadramento clinico per valutare possibili soluzioni terapeutiche che conducano a un definitivo e accettabile miglioramento.

    Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti


    Giovanni Migliaccio,M.D.
    studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
    sede principale: Milano

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2013
    Egr. Dottore,
    la ringrazio per la sua risposta e mi scuso per il ritardo. Ho eseguito ulteriori esami, tra cui una RM che evidenzia in modo chiaro la vite che sborda. A breve dovrei effettuare una visita specialistica. Nel frattempo quello che vorrei chiederle è: se fosse la vite la causa del mio problema, quale sarebbe la possibile soluzione? Un' ulteriore operazione per posizionarla nel modo corretto?
    Ringraziandola nuovamente, le porgo cordiali saluti.





  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 1117 Medico specialista in: Neurochirurgia

    Risponde dal
    2006
    Da come è descritto il posizionamento della vite, non sembra essere la causa dei sintomi, ma è comunque da rimuovere.
    Poi è da valutare se rimettere un nuovo impianto.
    A distanza non so dirLe di più

    Cordiali saluti


    Giovanni Migliaccio,M.D.
    studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
    sede principale: Milano

Discussioni Simili

  1. Arthrodisc
    in Neurochirurgia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20/03/2013, 17:10
  2. Ernie discali
    in Neurochirurgia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24/02/2013, 11:53
  3. Tunnel carpale dito a scatto
    in Neurochirurgia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02/10/2012, 01:01
  4. Craniotomia frontale
    in Neurochirurgia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09/02/2012, 12:36
  5. Dolicocefalia
    in Neurochirurgia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18/03/2011, 15:35
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,06        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896