Utente 190XXX
egregio dottore
sono un uomo di 46 anni, alto 1,87, peso 78 kg, non fumo, pressione mediamente 84 136, lavoro sedentario, soggetto ansioso per problemi familiari,
problemi al cuore pressoché nulli se non una occasionale tachicardia che si fa sentire a seguito di forti emozioni o sforzi improvvisi da quando sono adolescente....ultimo controllo con elettrocrdiogramma , ecocardiogramma e holtel 24ore tre anni fa... nulla da segnalare nei referti, quindi gestione del problema cercando di evitare le circostanze che inducono la tachicardia evitando... sforzi improvvisi, ecc.. Ddeico all'attività fisica troppo poco tempo anche per un problema di ernia del disco ( a settimana: 1 ora di bicicletta in pianura, due mezze ore di camminata)
neglei ultimi anni ho sempre avuto il colesterolo al limite ( solitamente
colesterolo tot. 200 circa, hdl 44, trigiceridi 80). ogni sei mesi circa effettuo un controllo. ieri ho ritirato le analisi ed è risultato colesterolo totale 271
hdl 68 e trigliceridi 143. Quindi tutto con valori più alti rispetto ai precedenti controlli .valutando il rischio cardiovascolare leggo che con i suddetti valori questo è pero' inferiore grazie all'aumento dell'hdl. come alimentazione cerco, da anni, di controllarmi evitando per quanto possibile " di evitare"gli alimenti che possono far aumentare il colesterolo.... cerco di fare una dieta abbastanza bilanciata eccedendo forse con i carboidriati circa 120 grammi di pasta al giorno . L e domande sono le seguenti: i livelli suesposti sono preoccupanti? la compensazione dell'hdl è sufficiente? devo passare a dieta ancor piu' rigorosa?
o incrementare l'attività fisica?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Francesco Vetta
24% attività
4% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2013
I livelli di colesterolo sia totale, che LDL (desunto indirettamente) risultano superiori ai limiti suggeriti, nonostante valori di HDL (che ha valenza protettiva) siano soddisfacentemente alti. Sicuramente, se non ci sono problemi di ridotta funzione tiroidea, la soluzione é quella di abbinare una dieta povera di lipidi e carboidrati semplici, ma ricca di fibre ad una attività fisica di tipo aerobico ( almeno 1 ora 5 volte a settimana). Questo le permetterà nel giro di 2-3 mesi di raggiungere valori di normalità dell'assetto lipidico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
grazie per la tempestiva risposta e i preziosi consigli