Utente 306XXX
ho avuto la notte scorsa la mia terza fibrillazioneSono in cura con coumadin da oltre un mese ad ho raggiunto il valore inr pari a 2,37
Il mio cardiologo consultato telefonicamente mi ha detto di prendere un altro almarytm( ne avevo presi già i due da prescrizione) e di non andare al pronto soccorso, di stare tranquilla perché essendo in cura coi coumadin potevo stare tranquilla.
In effetti dopo due ore dall'assunzione dei farmaci , la fibrillazione è passata .Anche questa volta è avvenuta in concomitanza con una crisi da ernia iatale. Può esser questa la causa? La pressione sistolica questa volta,, quando sono riuscita a registrala( l'apparecchio dava sempre errore) non era alta ,mentre lo era stranamente la diastolica che in genere non raggiunge mai il valore di 70( questa notte era a 109) ed i battiti normalmente al di sotto dei 50 erano arrivati a 124:? E' vero che posso stare tranquilla per i farmaci che assumo o devo andare al P.O?
La causa scatenante può essere l'ernia iatale e non l'ipertensione che nel mio caso è del tutto ballerina e legata a stati di emotività? La ringrazio anticipatamente per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Una ernia jatale puo innescare, in soggetti ocviamente predisposti, crisi di f.a. Parossistica.
Qualora nonostante la terapia antiaritmica lei dovesse presentare frequenti episodi di f.a. Potrebbe essere consigliabile un tentativo di ablazione della f.a.
Se riducesse drasticamente il suo peso anche la sua ernia jatale le darebbe molto meno fastidio.
Arrivederci