Utente 315XXX
Buongiorno,
il problema che vorrei esporre è molto diffuso ma in merito vengono sempre date spiegazioni parziali. Ho iniziato a perdere i miei capelli all'incirca 4-5 ani fa. Da allora, dopo aver consultato un dermatologo specialista in merito, mi è stato prescritto un medicamento a base di finastiride 1 mg. Ad ogni modo questi grandi miracoli non li ha fatti. Ho deciso quindi poche settimane fa di andare in uno studio specialistico molto conosciuto. A differenza del dermatologo, il quale mi ha liquidato in 5 minuti senza prestare particolare attenzione al mio capello, li mi è stato analizzato il capello al microscopio. Secondo questo specialista il mio problema consiste nella sovrapproduzione di un acido nel cuoio capelluto che, per dirla in semplicità, soffoca il bulbo dei miei capelli. Ed in effetti al microscopio si vede per l'appunto una massa che circonda la radice del capello. Ora ho interrotto le pastiglie ed ho iniziato con l'applicazione di un olio che dovrebbe favorire lo spurgo del cuoio capelluto. Tuttavia non ho potuto fare a meno di pormi alcune domande:

1. Un altro dermatologo tempo fa mi aveva prescritto il roacutan per problemi di acne cistica. L'ho poi interrotto dopo un mese. Mi chiedevo se potrebbe essere una buona scelta ricominciare ad assumerlo per pulire il cuoio capelluto (e quindi magari risolvere il problema definitivamente?). Ad ogni modo ripensavo già ad un probabile ritorno al roacutan sempre per problemi d'acne.

2. Dovrei continuare con la finastiride?

3. Quanto può essere efficace questo tipo d'olio'

4. Parallelamente una volta al mese faccio un trattamento presso il centro con vapore e lozioni. Utilità?

Ringrazio sin d'ora per la vostra disponibilità nel rispondere a queste mie domande.

Distinti saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
Suppongo che lo specialista non sia dermatologo , e non so se medico. Quindi capirà come sia difficile interpretare (sovrapproduzione di quale acido?, massa attorno al follicolo, etc). Non saprei neppure come interpretare l'olio che spurga il cuoio capelluto, sconosciuto alla medicina per quanto io possa sapere
Quindi personalmente non riesco ad esserle utile, non conoscendo queste forme di trattamenti . Conviene chiedere direttamente allo studio .
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr. Griselli,
lo studio al quale mi sono rivolto è assolutamente non medico ma mi è stato raccomandato da altre persone le quali, recandovisi, hanno potuto risolvere il loro problema. Pertanto ho deciso di tentare anche questa.

L'acido in questione lo ha denominato ma non ricordo più come. Aveva detto che è un acido responsabile del cattivo odore emanato dai capelli se non tolto.

Spero che possa esprimere il suo parere per quanto riguarda il roaccutan (parte della domanda che mi interessa maggiormente).

Nell'attesa porgo distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
In effetti era ampiamente immaginabile. Non trovavo nessi fisiopatologici(!).Se la scelta è consapevole non ho nulla da ridire, ovviamente.
Meglio in effetti passare a considerare il Roaccutan, che stante i pesanti effetti collaterali , , tra cui anche un transitorio aumento della perdita dei capelli, non può trovare nelle indicazioni l'utilizzo come seboregolatore , fatti salvi casi particolarmente gravi.
Cordialità