Utente 331XXX
Salve buon giorno egregi dottori, vi scrivo qui x la prima volta proprio perché nn c'è la faccio più. Allora è da quasi 4 mesi k mi hanno riscontrato ansia ed attacchi di panico tutto è incominciato a fine agosto quando mentre ero fuori cn amici a bere qualcosa mi sn sentito come una pressione sullo sterno accelerazione cardiaca e cominciare a sentire caldo preso dallo spavento convinto di avare un infarto mi hanno accompagnato in ospedale dove mi hanno subito fatto un ECG esito negativo ed esami del sangue con tutti i valori apposto tranne il CPK k l'avevo più di 4 mila ma mi hanno detto di stare tranquillo k era solo un affaticamento muscolare o una puntura ecc ecc e così sn tornato a casa. Di li in poi ho avuti altri attacchi di panico con altre corse in ospedale perché mi sentivo veramente male, dopo alcuni giorni hanno deciso di ricoverarmi. In ospedale mi hanno fatto ECG, esami del sangue e delle urine, ecocuore, eco addome e risonanza magnetica ai cervicali tutti con esiti negativi e mi ripetevano di stare tranquillo k rè solo ansia. Uscito dall'ospedale vado da uno psichiatra k mi conferma ansia ed attacchi di panico e mi prescrive daparox da 20 mg dopo pranzo e tavor 1/2 la mattina 1/2 alle 13.00 ed 1 prima di andare a letto la situazione inizialmente era peggiorata ma lo psichiatra me lo aveva accennato k il corpo nn è abituato ai medicinali. Adesso prendo solo daparox sempre sotto prescrizione dello psichiatra e la situazione andava migliorando. Adesso mi è venuta nuovamente la paura di avere un infarto dato k ho nuovamente dolore al collo alla schiena un po' al braccio sx e diarrea. Ah dimenticavo circa due settimane da ho fatto ECG sotto sforzo sempre cn esito negativo. La mia domanda e : è possibile k mi venga un'infarto a 20 dopo tutti questi controlli k faccio un lo di attività fisica e fumo circa 10/15 sigarette al giorno? Gentilmente se mi potete rispondere
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
a parte che quando si scrive ad una persona non conosciuta si evita di usare la "k" per sostituire il "che", per motivi di educazione, e' ovvio che lei abbia notevoli problemi di ansia al momento non ben controllati dalla terapia in atto.
Tenga inoltre conto che se lei a vent'anni fuma significa che in realta' NON ha paura ne' dell'infarto, ne' dell'ictus cerebrale ne' del cancro.
Quindi lei fa finta di avere paura dell'infarto , ma in realta non ne ha.
La saluto

cecchini