Utente 325XXX
Salve,
vi scrivo in quanto nel 2011 per l' intervento di miomectomia mi è stata fatta anestesia spinale. Il problema è che dopo la puntura il dottore dopo circa 5minuti mi ha punto e avvertivo il dolore allora mi hanno addormentata.quando ho ripreso conoscenza non avevo la sensibilità delle gambe (fino a sera). Ora sabato prossimo ho il cesareo programmato e ho paura dell'anestesia.puo succedere di nuovo? Come mai non ha preso subito su di me? Potrei ora essere allergica?
Grazie per l'attenzione e buona serata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Stella
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2012
Buonasera,
le consiglio di dire all'anestesista che la verrà a fare la visita anestesiologica quanto accaduto nella precedente anestesia spinale.
Non c'è alcuna connessione fra allergia al farmaco e ritardata comparsa della anestesia locale.
Se viene usato lo stesso anestetico locale al quale lei non ha manifestato alcuna reazione allergica non dovrebbe avere nessuna reazione anche la prossima volta.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Grazie! Seguiro il suo consiglio.
Buona serata
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente, credo che potrebbe essere utile aggiungere, a quanto consigliato giustamente dal mio collega, alcune considerazioni a scopo esplicativo circa quanto potrebbe aver causato l'inconveniente passato.
1. Come le ha detto il mio collega l'allergia, cui spesso si da la responsabilità di tutto, mi creda non è nel suo caso imputabile in nessun modo,
2. è possibile che non si sia aspettato abbastanza, ossia non si sia dato il tempo all'anestetico di diffondersi adeguatamente: prova potrebbe esserne che al risveglio le gambe erano addormentate,
3. può succedere inoltre, che il paziente scambi il tatto (sentirsi toccare), con un "dolore possibile" depistando il medico. E' un meccanismo inconscio, accentuato dal disagio della situazione, dalla agitazione e dal timore di sentire dolore, anche perchè la soglia del dolore è un fatto personale (ciò che per lei è dolore non lo è per un diverso soggetto).
Parli pertanto a cuore aperto col suo anestesista che saprà rasserenarla e farle affrontare il cesareo nel modo migliore.
Saluti cordiali.