Utente 144XXX
buongiorno
volevo chiedere un vostro parere riguardo a dei risultati di un holter dopo due anni (aprile) da un evento di miocardite

a novembre ho eseguito un holter e questi sono i risultati

"ritmo sinusale durante tutta la durata della registrazione con fisiologica variazione circadiana della frequenza cardiaca.Frequenti battiti ectopici ventricolari sia isolati che in coppia, due triplette e alcuni brevi tratti di bigeminismo ventricolare.
Rarissimi battiti ectopici sopraventricolari"
non aritmie ipocinetiche

dopo di questo ho eseguito un ecocardiogramma

"aorta nei limiti.Valvola aortica tricuspide.Vebtricolo sinistro nei limiti di normali spessori con lieve ipocinesia del siv e funzioni sitolica conservata.Normale funzione diastolica atrio sinistro e sezione destre nei limiti"

il cardiologo che mi segue continua a dirmi che va bene però continua ad aumentarmi anche se di poco il betabloccante che prendo (3,75 ne prendo adesso)
dicono che sia per le aritmie che ho ma di stare tranquilla che va tutto bene posso avere una vita normale senza strafare, avere figli

che sono guarita bene…
secondo voi sarebbe il caso di fare altre indagini per queste aritmie che ho?

il cardiologo ha detto che probabilmente le ho sempre avute e non sono state provocate da questa miocardite

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Lei mi fà una domanda alla quale non è facile rispondere...personalmente e francamente non azzarderei una dissociazione tra miocardite pregressa e aritmie ventricolari che lei presenta sostenendo che non sono correlate, anche perchè l'eco non è normale e presenta una ipocinesia del SIV che potrebbe essere la sede anatomica di origine delle sue extrasistoli. Purtroppo a distanza non posso esserle di alcun aiuto. Mi sento però di consigliarle di rivolgersi a un aritmologo (un cardiologo con particolare esperienza in problemi del ritmo cardiaco) e a Trento non avrà difficoltà a trovarne uno.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio!