Utente 606XXX
Salve, ho 33 anni e non ho mai avuto problemi alle orecchie. il mio incubo è iniziato 3 giorni fa. Ho iniziato a sentire una strana pulsazione dentro l'orecchio sinistro. Non ci ho fatto caso perchè l'ho associato a un tic nervoso passeggero (come quando trema l'occhio per qualche minuto e dopo va via). Il problema è che questa pulsazione mi ha accompagnato da quel giorno e tutt'ora è ancora presente. Non segue il battito del cuore ma è a intervalli irregolari, molto accellerato. Ho provato a mettere l'auricolare di una cuffia spento e il pulsare lo sento meno marcato mentre quando lo tolgo lo sento in maniera evidente..... da cosa può dipendere? Non riesco a dormire la notte perchè col silenzio è molto più percettibile. Stamattina sono stato da un otorino che mi ha controllato superficialmente l'orecchio con una lampadina e non ha trovato nulla di anomalo, mi ha fatto anche l'esame audiometrico e mi ha detto che ci sento bene. Le ipotesi che mi ha dato sono state che può trattarsi di alta pressione (e non ce l'ho alta) o un problema ai denti (ho messo da 1 mese l'apparecchio ma il mio dentista non trova nulla di anomalo). Da cosa può dipendere questo problema? Mi sta invalidando anche perchè lavoro in un call center e questi giorni non sto andando a lavoro perchè non sopporto le voci. In famiglia c'è un caso di otosclerosi ma l'otorino lo ha escluso. Esiste un esame più diretto che entra nell'orecchio? Mi è sembrata una visita molto superficiale e il problema continuo ad averlo. Devo fare una risonanza? Datemi un consiglio su altri esami e analisi che potrei fare.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Prendendo per buono il risultato dell'esame audiometrico cui si è sottoposto, proseguirei con le ricerche con una impedenzometria e, forse, con un angio-Rm dell'orecchio interno. Purtroppo, da lontano, non sono in grado di capire la natura del sintomo lamentato. Non penso che si tratti di otosclerosi. Forse, sarebbe il caso di riparlarne con lo Specialista che la segue.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 606XXX

Grazie dottore per la risposta. Ho passato l ennesima notte insonne. Un martellare continuo. Durante il giorno si calma ev a tratti anche quando mi trovo in posti silenziosi ma la notte è un martirio. Ho girato due motorini che si sono limitati a guardare velocemente l orecchio e dirmi che non é nulla. Ma io sono stanco. Domani farò l impedenzometrico. Ma non so a chi farlo vedere visto il trattamento che ho avuto dagli altri.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Coraggio! Senta il suo medico di famiglia se conosce uno Specialista cui rivolgersi
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente 606XXX

Ho fatto l'esame impedenzometrico ed è risultato negativo quindi il dottore ha escluso un problema all'orecchio.
mi ha consigliato di fare potenziali evocati uditivi con visita neurologica e cardiologica. Risonanza con mezzo di contrasto encefalo e tronco e un ecocoplorDoppler. Lei ritiene validi questi esami? Mi contiene fare anche una risonanza al cranio e all'orecchio? Perché l'orecchio mi fa male e pulsa se non ho nulla?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Personalmente, chiederei il Consulto di un altro Specialista per riuscire a capire bene la strada da intraprendere. Una RM con mezzo di contrasto dell'orecchio interno ed un doppler dei vasi epiaortici posso anche condividerli.
Una volta in possesso delle risposte, cerchero' di esserle di aiuto.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente 606XXX

Grazie dottore. Vorrei sapere se nella struttura dove lei lavora c è la possibilità di fare questi esami e di essere seguito. Mi sento abbandonato. Ho girato tre medici ma una volta controllato che l'orecchio è ok mi lasciano perdere

[#7] dopo  
Utente 606XXX

Sono 4 giorni che non dormo perché le pulsazioni non vanno via. La mattina sono anche sopportabili e sono alternate ma la sera sono continue e insopportabili. Da ieri ho anche forte mal di testa dal lato dell'orecchio che pulsa. E l'orecchio dolorante. Vorrei aggiungere che da un mese ho messo l'apparecchio ai denti e a novembre mi sono operato ai turbinati ma mi hanno detto che non sono collegabili alle pulsazioni. Solo su internet ho letto che il mio problema si chiama acuifene pulsante e che potrebbe avere origini diverse anche gravi. E tutti i medici mi ignorano

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Purtroppo, la Struttura ove lavoro è privata. Le conviene, quindi, trovare una Struttura convenzionata con il SSN ove poter fare questi esami. Una volta in possesso dei referti, se crede, cerchero' di esserle di aiuto.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente 606XXX

eccolo di nuovo presente come ogni sera.... io non riesco a capire per quale motivo durante il giorno (anche quando sono in zone silenziose) è quasi assente o a intermittenza e invece la sera si acutizza e martella senza un attimo di tregua, che motivazione può esserci? Mi sta venendo un altro dubbio.... ma non è che il problema è proprio da riscontrare con l'apparecchio ai denti? l'ho messo da due settimane, non ho mai sofferto o avuto problemi di mal di orecchie e ora mi trovo a combattere con queste fastidiose pulsazioni..... il mio dentista dice di no ma daltronde anche i vari otorini interpellati mi hanno liquidato senza darmi spiegazioni....e tutte le conoscenze in merito a questo problema le sto conoscendo da internet..... che esami potrei fare per escludere anche l'apparecchio tra le cause?
per la settimana prossima ho già prenotato un ecocolordoppler, un angio rm ai vasi del collo e abr per fortuna in ssn, mentre per la risonanza all'orecchio e al cervello dovrò andare privatamente perchè i tempi di attesa sono molto lunghi...vorrei fare tutti gli esami subito perchè sono stanco.....

[#10]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, non possiamo escludere che l'apparecchio possa contribuire alla sintomatologia sofferta. Non possiamo sentire l'Odontoiatra circa una possibile rimozione almeno per qualche giorno?
Completi, poi, tutti gli accertamenti e cercheremo di capirci qualcosa.
Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#11] dopo  
Utente 606XXX

Grazie dottore per le sue celeri risposte. Purtroppo l'apparecchio non è possibile toglierlo perchè l'ortodontista viene una volta al mese dal mio dentista.
Oggi sono stato dal mio medico curante e gli ho spiegato la sintomatologia...lui esclude il discorso dell'apparecchio perchè ritiene che se fosse stato quello avrei avuto questi problemi quasi subito e invece sono passate 3 settimane da quando si è presentato l'acufene ed esclude anche un problema di tipo cardiaco perchè la mia pressione è ottima..... ora le chiedo tra questi esami quali lei mi farebbe fare e perchè? e perchè escluderebbe gli altri?

- potenziali evocati uditivi - già prenotato col ssn
- ecocolordopller vasi epiaortici - già prenotato col ssn
- angio rm vasi collo - già prenotato col ssn
- rm orecchio interno con angio rm e mezzo di contrasto
- rm encefalo e tronco con angio rm e mezzo di contrasto
- visita neurologica
- visita cardiologica

le due risonanze vanno fatte così come sono scritte inclusa anche l'angio rm o può bastare solo la risonanza?

La ringrazio per la collaborazione. Al termine degli esami sicuramente mi piacerebbe venire da lei per un consulto.

[#12]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Tutte le richieste sono state formulate correttamente. Spero tanto che emerga qualcosa, in modo da poter iniziare una specifica cura.
A presto!
Dr. Raffaello Brunori

[#13] dopo  
Utente 606XXX

Scusi se la disturbo nuovamente ma ho letto su internet (ormai diventato per me unico aiuto per capire il problema) che come risonanza specifica per gli acufeni si dovrebbe fare RM CRANIO ANGOLO PONTO CEREBELLARE CON MDC

lei quale mi consiglia di fare? la ponto cerebellare o queste:

- rm orecchio interno con angio rm e mezzo di contrasto
- rm encefalo e tronco con angio rm e mezzo di contrasto


che differenza c'è tra la prima e le ultime? cosa vede la prima e cosa vede le ultime?

grazie per la disponibilità

[#14]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Prima di tutto, le consiglio di non andare piu' su internet, altrimenti si confonde, oltre che preoccuparsi. Comunque, rispondendo alla sua domanda, viene prescritta la RM con mezzo di contrasto per lo studio dell'orecchio interno e del'angolo ponto cerebellerare quand si sospetta un neurinoma, ovvero di una neoformazione benigna che si forma in questa zona anatomica. Si prescrive, invece, una angio-RM. quando si sospetta una malformazione vascolare cerebrale.
Essendo, quindi, i due esami diversi per la richiesta, devono essere prescritti separatamente.
Le auguro un buon fine settimana
Dr. Raffaello Brunori

[#15] dopo  
Utente 606XXX

ma facendo la rm cranio angolo ponto cerebellare con mdc e angio rm si vedono encefalo tronco e orecchio interno o dovrò fare anche una rm solo orecchio interno con mdc e angio rm? le chiedo questo perchè privatamente queste risonanze costano un sacco di soldi e volevo capire se facendo solo quella del cranio ponto cerebellare potevo escludere quella dell'orecchio.... questa notte altra nottata insonne e questo mi comincia a spaventare

[#16]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Pensavo che tali esami le fossero stati prescritti da un Medico. Onestamente, non vedo la motivazione di tali esami senza una precisa prescrizione. Probabilmente utile solo una angio-Rm dell'orecchio interno.
Dr. Raffaello Brunori

[#17] dopo  
Utente 606XXX

la risonanza magnetica all'orecchio interno con angio risonanza me l'ha consigliata lei mentre la risonanza al cranio e al ponto cerebellare mi è stata prescritta dall'ultimo otorino a cui mi sono rivolto quindi le chiedevo se con la risonanza al cranio si vedesse anche l'orecchio interno così evitavo di farne due....

[#18]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono due esami che studiano patologie diverse: una la parte vascolare, l'altra eventuali neoformazioni.
Dr. Raffaello Brunori

[#19] dopo  
Utente 606XXX

Salve dottore, questa settimana concludo tutti gli esami strumentali e mi auguro di venirne a capo.
Il primo dubbio che mi viene è questo: quando ho prenotato le due risonanze magnetiche (cranio e orecchio interno) la struttura che eseguirà l'esame mi ha detto che l'orecchio interno viene visto dalla RM al cranio e quindi non necessità di una seconda risonanza...le risulta questo? mi viene questo dubbio perchè alcune strutture non si sono fatti problemi a prenotarne due separate (forse per un discorso di guadagno) e invece l'ultima a cui mi affiderò mi ha detto che non servono due risonanze.
Altra domanda: farò la risonanza al cranio con angio-rm e mezzo di contrasto venerdì e sabato (il giorno dopo) farò angio-rm dei vasi epiaortici. Secondo lei fare questi due esami con mdc in due giorni attaccati ed entrambi alla testa creano problemi o posso stare tranquillo? o eventualmente mi conviene spostarne uno? Non so gli effetti del mdc e se iniettarlo per 2 giorni di seguito crea problemi

Visto che tra i vari esami giovedì devo fare un ecocolor dopler dei vasi epiaortici, se questo esame è negativo posso evitare di fare anche l'angio-rm dei vasi del collo?

[#20]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, con la RM del cranio si puo' anche focalizzare l'attenzione sull'orecchio interno. E' sufficiente l'angio rm dell'orecchio interno con mezzo di contrasto senza quella dei vasi epiaortici, nel suo caso.
Dr. Raffaello Brunori

[#21] dopo  
Utente 606XXX

Salve dottore, dopo una serie di esami eccomi qui con i responsi.
La premessa è che le pulsazioni dopo 10 giorni continui sono cessate del tutto, in questi 10 giorni si sono anche spostate all'orecchio destro in alternanza per poi sparire del tutto. mi sono rimasti solo dei fischi di sottofondo che prima non avevo ad entrambe le orecchie.

Ho fatto la risonanza e penso di aver capito che non hanno riscontrato nulla (però delle orecchie nonostante avessi specificato che si tratta di acufeni sembra che non se ne parli nel referto o forse mi sbaglio io).

RISONANZA CEREBRALE + ANGIO RM
Non alterazioni morfologiche nè di segnale di tipo focale evolutivo del parenchima cerebrale. Non alterazioni della sostanza bianca cerebrale.
Il sistema ventricolare sopra e sottotentoriale è in asse rispetto alla linea mediana non deformato, dislocato o dilatato.
Gli spazi liquorali della base e del mantello risultano di ampiezza normale. Non alterazioni del tronco encefalo nè del cervelltto.
Sequenze in diffusione non documentano aree di restrizione dell diffusività molecolare da riferire a lesioni ischemiche in fase acuta o subacuta.
Assenza di impregnazioni patologiche dopo somministrazioni di mdc.
Lo studio angioRm documenta regolare calibro e decorso delle porzioni intracraniche delle carotidi, dei principali vettori arteriosi del poligono di Wills e dell'asse vertebro basilare.
In fase venosa di rileva una ridotta visualizzazione del seno trasverso di sinistra.
Normale aspetto dei rimanenti seni venosi durali.

DAGLI EVOCATI UDITIVI non hanno riscontrato anomalie.

Dall'ECOCOLORDOPPLER AI VASI DEL COLLO mi hanno trovato un nodulo alla tiroide che ovviamente mi sta creando preoccupazione. Ho fatto anche un'ecografia per approfondire questo discorso che non penso centri con gli acufeni. Dall'ecografia alla tiroide è risultato
al terzo medio del lobo destro si segnala nodulo solido ipoecogeno ben capsulato con qualche calcigficazione di 12 x 15 x 10 mm con vascolizzazione prevalentemente perinodulare.

[#22]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Fortunatamente,le risposte degli accertamenti diagnostici sono negative. Importante è che la sintomatologia sia scomparsa e, per quanto riguarda la causa, non so che dirle, a distanza.
Le auguro un buon proseguimento
Dr. Raffaello Brunori

[#23] dopo  
Utente 606XXX

Buongiorno dottore, come vede dall'orario ho passato una nottata insonne, ho cantato vittoria troppo in fretta. Ieri sera verso le 20 l'orecchio sinistro ha cominciato nuovamente a pulsare dopo 10 giorni di silenzio e non si è fermato un attimo. Non riesco più a capire cosa devo fare, gli esami che ho fatto sono tutti nella norma e queste pulsazioni sono invalidanti. Mi dia lei un consiglio.....ho fatto di tutto, visite a vari otorini, ecocolordopler dei vasi del collo, potenziali uditivi evocati, impedenziometrico e audiometrico, risonanza alla testa..... cosa devo fare? non credo allo stress o all'ansia come fattore scatenante, conosco il mio corpo troppo bene.... secondo lei la risoanza alla testa ha escluso patologie dell'orecchio o mi conviene fare una risonanza mirata al'orecchio?

[#24] dopo  
Utente 606XXX

Il nodulo alla tiroide destra secondo lei potrebbe essere la causa? anche se poi la pulsazione ce l'ho all'orecchio sinistro quindi secondo me non centra nulla..... sulla base di tutti questi esami cos'altro potrei fare? secondo me c'è qualcosa all'orecchio, non può pulsare in questo modo per 24 ore di seguito e più giorni senza che non ci sia nulla....

[#25] dopo  
Utente 606XXX

Si manifesta in questo modo: prima sento come degli scricchiolii o scoppiettii nell’orecchio come di preavviso, man mano aumentano fino a diventare pulsanti. Le pulsazioni dapprima sono lente e poi prendono velocità. La sensazione è di avere nell’orecchio un secondo cuore ma con battiti accelerati continui e irregolari (anche se il cuore batte normalmente e la pressione è normale) e una volta presa velocità non si fermano più, soprattutto la notte. Inizia e finisce allo stesso modo, quando sta per finire le pulsazioni rallentano, poi appaiono gli scricchiolii e termina del tutto o al massimo restano sporadici episodi.

Leggevo anche che la risonanza riporta questa dicitura: In fase venosa di rileva una ridotta visualizzazione del seno trasverso di sinistra. Se l'orecchio che mi pulsa è quello sinistro, secondo lei la risonanza è stata fatta correttamente o questa poca visibilità del seno di sinistra può includere la mancata visualizzazione di qualche problema?

Mi scusi per le tante domande a cui mi auguro di avere risposta ma sono disperato. Pensavo che il tutto si fosse risolto e invece sono punto e capo con la differenza che non so come muovermi, un mal ti testa lo risolvi con un antidolorifico, questo pulsare come lo risolvo? non c'è nulla su cui puntare e questo mi mette sconforto e disperazione.

[#26]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
la comprendo perfettamente e mi dispiace davvero. Personalmente, a questo punto, vista la negatività da un punto di vista otorinolaringoiatrico, consulterei in merito un Neurochirurgo. Mi dia notizie dopo la visita
Dr. Raffaello Brunori

[#27] dopo  
Utente 606XXX

Grazie dottore per la risposta. oggi sono stato da un otorino per fare un otomicroscopia giusto per escludere del tutto un problema all'orecchio, con un sondino ha controllato bene l'orecchio, cosa non fatta prima e mi ha consigliato di fare una tac senza mdc orecchio medio e mastoidi alta definizione per osso. Lei cosa ne pensa di questo? Lui ritiene che l'acufene potrebbe nascere da un vaso sanguigno ingrossato o che ha cambiato forma e viene percepito dall'orecchio, oppure ritiene che sia di origine muscolare.....
se dalla risonanza non è risultato nulla cosa potrebbe fare un neurochirurgo per la risoluzione del problema? e soprattutto la risonanza ha effettivamente escluso qualsiasi problema? e soprattutto con una risonanza encefalo è stato visto per bene l'orecchio? lei opta per una tac o eventualmente una risonanza specifica all'orecchio? quale dei due è migliore per escludere del tutto una patologia all'orecchio interno?

[#28]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La tac non è l'esame indicato per studiare i tessuti molli che, al contrario vengono studiati con la risonanza. Se per il Collega il problema risiede in un vaso, non comprendo il perché della tac delle mastoidi. In questi casi la prescrizione è quella di una angio-Rm dell'orecchio interno con mezzo di contrasto.Il mio consiglio di consultare un neurochirurgo è, perché sino ad esso, non è emersa alcuna patologia di interesse otorinolaringoiatrico.Il Neurochirurgo, invero, si interessa dell'acufene pulsante se la causa risiede nell'encefalo.
Dr. Raffaello Brunori

[#29] dopo  
Utente 606XXX

Capisce bene la mia confusione e frustrazione di fronte a un problema che da un mese non mi da pace e mi sta rovinando la vita.... sto girando otorini su otorini senza venirne a capo. Mi scusi se la disturbo con le mie domande ma è l'unico che riesce a darmi delle risposte logiche, senza alcun tipo di interesse economico e quindi sicuramente più sincere, ma a questo punto mi chiedo: con la tac dell'orecchio medio e mastoidi cosa si vede? perchè mi è stata prescritta? quali patologie vuole escludere l'otorino? altra domanda: ho fatto una risonanza all'encefalo con agio rm, ma da quell'esame non si dovevano vedere anche le orecchie e i vasi delle orecchie? Ultima domanda neurologo e neurochirungo sono due figure professionali differenti? se dalla risonanza all'encefalo non sono state riscontrate anomalie il neurochirugrco cosa può fare?
Grazie per le risposte e l'attenzione.

[#30]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La tac dell'orecchio medio studia eventuali processi infiammatori dell'orecchio medio, appunto, come otiti medie croniche, neoformazioni, etc.
Da un punto di vista neurologico, è bene che venga valutato da un Neurochirurgo perché, se ci fosse un problema specifico, la soluzione non sarebbe medica (Neurologo), ma chirurgica (Neurochirurgo).
L'otorinolaringoiatrica puo' escludere, in questo caso, una formazione vascolare dell'orecchio (glomo timpano-giugulare), responsabile del sintomo pulsante . Cerchi, comunque, di tranquillizzarsi e, mi dia retta, consulti un Neurochirurgo. sarà questi, dopo la lettura degli esami cui si è già sottoposto, a richiederle eventuali esami piu' specifici.
Mi faccia sapere
Dr. Raffaello Brunori

[#31] dopo  
Utente 606XXX

Ok allora ho prenotato la tac che per fortuna col ssn mi verrà fatta giovedì così escludo definitivamente una patologia dell'orecchio, per precauzione farò anche un angio rm orecchio interno così escludo anche il discorso dei vasi, poi con questi esiti farò una visita neurochirugica.
Ho letto da qualche parte che gli acufeni pulsanti possono dipendere anche dalle seguenti patologie ipertensione, soffio al cuore, patologie a carico delle trombe di Eustachio, tumore glomico, anomalie in una vena o in un’arteria. Quali esami andrebbero fatti per escludere anche questo tipo di patologie? Ho bisogno di escludere tutte le cause possibili. Farò anche una visita gnatologica perchè il sospetto che l'apparecchio ai denti possa aver influito alla comparsa di questo acufene mi resta perchè ho notato che l'apparecchio mi crea una tensione mandibolare non indifferente, serro i denti, li schiaccio spesso anche di notte e soprattutto siccome ho tante ulcere all'interno dovute allo sfregamento dei ferretti mi capita di parlare in maniera rigida e quindi non muovo in maniera sciolta la mandibola quindi un dubbio anche su questo aspetto ce l'ho (anche se il mio dentista dice che è stato messo da poco per avere già problemi di questo tipo).

[#32]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non sono assolutamente d'accordo che faccia di testa sua. Esami, accertamenti diagnostici devono essere necessariamente prescritti da un Medico. Mi dia retta!
Dr. Raffaello Brunori

[#33] dopo  
Utente 606XXX

Salve Dottore ha ragione sul fatto che gli esami debbano essere prescritti da uno specialista.
Le volevo far notare una cosa che mi ha fatto notare anche il mio medico di base. Dal referto angio rm risulta scritto: In fase venosa si rileva una ridotta visualizzazione del seno trasverso di sinistra.Ora la domanda è questa? il mio acufene è all'orecchio sinistro, quindi è un pò ambigua la risposta del referto perchè potrebbe significare o che l'esame non ha permesso di visualizzare la parte venosa di sinistra o che c'è qualcosa che ha impedito di visualizzarla, non crede? anche perchè nella riga sotto scrive che normale aspetto dei rimanenti seni venosi durali, come per dire: sopra c'è qualcosa che non va mentre il resto è ok.

[#34] dopo  
Utente 606XXX

Salve dottore volevo chiederle una cosa...... visto che la tac rispetto alla risonanza è un esame abbastanza invasivo per quanto riguarda le radiazioni vorrei eventualmente evitare di farne più di una e quindi le chiedo se non fosse più utile (visto che tanto la devo fare) farla col mdc così oltre alla parte ossea si vedrebbe anche la parte molle. Senza mdc cosa non si vedrebbe? La voglio fare una volta sola e quindi tanto che la devo fare non è meglio farla completa?

[#35]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Vedo che Lei non mi ascolta, anche se è libero di fare cio' che vuole. Le ho consigliato una visita da parte di un Neurochirurgo: in base a cio' che riscontrerà con l'esame clinico e la visura degli accertamenti cui già si è sottoposto deciderà la necessità o meno di ulteriori esami. Per un parere su quanto riportato sul referto di un esame diagnostico, occorre necessariamente leggere le immagini dell'esame, non potendoci basare su quanto riportato.
Dr. Raffaello Brunori

[#36] dopo  
Utente 606XXX

la tac me l'ha consigliata l'otorino che mi sta seguendo, quindi non sto facendo di testa mia..... ovviamente seguirò anche il suo consiglio e farò una visita neurochirurgica che ho già prenotato ma ci vuole qualche giorno, sto facendo tutto col ssn quindi i tempi non sono purtroppo brevi e non ho la possibilità di fare altre visite private.
Quello che vorrei sapere è se mi conviene fare anche il mdc con la tac visto che cmq mi è stata prescritta oppure per le parti molli basta la risonanza che ho già fatto e quindi la tac va in aggiunta alla risonanza....resto in attesa di un suo riscontro

[#37] dopo  
Utente 606XXX

Salve dottore rieccomi qui a scriverle. Ho fatto la tac e sono in attesa dell'esito. Nel frattempo ho da segnalarle quello che ho scoperto che potrebbe essere un punto di svolta per il mio problema. Come le dicevo le pulsazioni vanno e vengono e finora non trovavo la causa.... in quest'ultima settimana sono scomparse del tutto, come la precedente volta....oggi per scherzo un mio amico mi ha dato un piccolo schiaffetto sull'orecchio sinistro (quello che mi pulsa) che mi ha provocato come il suono che viene prodotto dal diapason che è pian piano diminuito ed è subito comparsa la pulsazione, come se quello schiaffo e quel suono avessero mosso qualcosa all’interno che ha provocato la pulsazione. Questa potrebbe essere la causa della comparsa delle pulsazioni precedenti? Forse scaturite da movimenti bruschi, colpi d’aria, qualcosa che crea all’interno dell’orecchio una vibrazione o movimento che genera la pulsazione? Non ci avevo mai fatto caso prima di questo episodio, la pulsazione è comparsa subito dopo lo schiaffio quindi è per forza stata creata da questo episodio. Cosa potrebbe secondo lei creare questo tipo di situazione all'interno dell'orecchio? E ovviamente da dopo lo schiaffo ora non smette più di pulsare e se succede come le altre volte, ci vorrà qualche giorno prima che smetta del tutto....

[#38]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non ho la minima idea della correlazione fra lo schiaffetto ed il sintomo scaturito. Attendiamo l'esito della tac.
Dr. Raffaello Brunori