Utente 132XXX
Buongiorno desidero richiedere un’informazione per mia madre, 65 anni.
Circa un mese e mezzo fa, in seguito a uno sforzo ha iniziato ad avvertire dei dolori al polso della mano destra. E’ riuscita a fare un esame elettromiografico soltanto nei giorni scorsi, a causa dei lunghi tempi di attesa. Questo esame ha evidenziato “Alla contrazione volontaria massimale si registra un tracciato di tipo interferenziale con PUM di ampiezza e durata nella norma” e come conclusioni: “Modesti segni di sofferenza del nervo mediano destro al polso. Non segni di sofferenza radicolare nei territori indagati.
In questi giorni, il dolore è diminuito ma non scomparso del tutto. E se sottoposto a sforzi il polso mostra segni di sofferenza. Volevo sapere se secondo voi mia madre è meglio che vada da uno specialistica per farsi prescrivere un qualche tpo di terapia o non vi sono terapie da seguire in base a quanto emerge dall'esame fatto? inoltre quale è lo specialistai semmai più indicato per il suo problema?
Finora ha assunto soltanto antinfiammatori per ridurre il dolore.
[#1] dopo  
Dr. Francesco Nicolosi
24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2010
Da quello che lei racconta la mamma ha avuto un'episodio in acuto,prima di eseguire una EMG sarebbe stato auspicabile effettuare una rx del polso per escludere delle fratture.La sofferenza al nervo mediano poteva già essere presente all'evento algico e ne ha slatentizzato i sintomi ,non avendo eseguito un esame obettivo mirato piu' di questo non posso dirle,le consiglo di portare la mamma dal suo ortopedico di fiducia per le cure del caso.
Auguri