Utente 869XXX
gentili dottori,
circa un mese e mezzo fa sono stato investito da una macchina posteriormente,
nella zona bassa del bacino, l'urto mi ha poi spinto verso terra,facendomi ricadere
in posizione piu' o meno "seduta" sui glutei e sulle braccia.
Al pronto soccorso si è parlato di trauma contusivo della zona sacro coccigea e, le
radiografie della suddetta zona non hanno evidenziato danni.
A parte dei bruciori e leggeri formicolii,durante la prima settimana, oggi purtroppo
le tracce del trauma non sono del tutto scomparse, poichè mi è rimasta una zona sensibile nella parte finale destra del sacro e in quella iniziale destra del coccige,
e,comincio ad avere dei piccoli dolori al coccige se sto a seduto per piu' di qualche minuto, nonche' dei piccoli bruciori e formicolii se mi capita di caricare la colonna vertebrale. La mia domanda è se a questo punto sia sufficiente solo aspettare che la situazione migliori, o devo mettere in atto qualche precauzione(es. fisioterapia) o comunque qualche accorgimento per evitare l'insorgere di problemi al sacro o ad es. coccigodinia? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Il medico fisiatra dopo averLa interrogata, ascoltata e visitata può decidere di prescrivere delle cure fisiche per cercare di risolvere gli esiti della contusione, che a 6 settimane dell'incidente è abbastanza normale che siano ancora presenti. Purtroppo come Lei sa già è possibile che possa residuare una coccigodinia, che può richiedere cure più mirate fino all'asportazione chirurgica, ma a questo si penserà al bisogno.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 869XXX

Iscritto dal 2008
Salve ....ringrazio il Dr.Donati, devo dire che a piu' di tre mesi dall'incidente, con fisioterapia consistente in nuoto ( soprattutto movimenti degli arti inferiori) in piscina , i formicolii ed i bruciori sono praticamente scomparsi. Residua pero' un leggero fastidio che ogni tanto avverto al coccige se sto seduto per piu' di 10 minuti. Il fatto è che rispetto a qualche mese fa, ho come l'impressione che questo fastidio si sia spostato verso il basso, interessando adesso in modo abbastanza diffuso la zona coccigea,spesso nella parte centro destra (prima la zona era : fine osso sacro inizio coccige). Ora chiedo gentilmente, se a questo punto, vista l'assenza di dolori rilevanti, debba attendere con pazienza l'attenuarsi dei sintomi (nel frattempo sto continuando la piscina...) o, preoccuparmi di misure preventive al fine di evitare una cronicita' dei sintomi o ancora peggio una coccigodinia importante? Grazie - Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non ci sono vere misure preventive ma solo misure terapeutiche per cercare di guarire del tutto. Valuti con il medico fisiatra se sia opportuno il ricorso a cure fisiche a questo scopo (il nuoto fa bene ma non rientra fra le terapie fisiche) e in seguito si sottoponga a controlli periodici..
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 869XXX

Iscritto dal 2008
Approfitto per RingraziarLa, Gentilissimo....
chiedero' al fisiatra su queste terapie fisiche da Lei citate, anche perche' mi preoccupa,
oltre al fastidio, la sensazione di maggiore mobilita' della zona che divide il sacro dal coccige. Cordiali Saluti