Utente 316XXX
Gentili Dottori,

non so se avrei dovuto rivolgermi agli specialisti di dermatologia. In ogni caso, gradirei avere una vostra cortese opinione. Il 5 aprile un ragazzino più grande ha fatto uno sgambetto con estrema cattiveria (comunque non lo abbiamo denunciato) a mio figlio di 13 anni. Il risultato sono stati un polso slogato, un ginocchio gonfio e delle escoriazioni al naso (è caduto da un marciapiede piuttosto alto sull'asfalto). Dopo 1 settimana mio figlio si è tolto una parte delle crosta ed ora si vede ancora la cicatrice (la parte che si è tolta da sola dopo 2 settimane non ha lasciato alcun segno visibile). E' tuttora leggermente rossa. E' lunga 3 cm a forma di zig-zag, larga 2-3mm ed è più bassa del livello dell'altra pelle di 1-2mm. Siamo andati da un dermatologo e ci ha detto che è abbastanza superficiale e dovrebbe tornare tutto come prima. Tuttavia dopo ulteriori 2 settimane non ho notato miglioramenti. Attualmente usiamo solo una crema di protezione solare +50 ed una crema idratante la sera. Provammo qualche giorno con una crema gel cicatriziale molto conosciuta nel settore, ma poi la ferita diventava più rossa. Mi rendo conto che poteva andare molto peggio, ma guardare in faccia mio figlio e vedere ogni singola volta il segno della cattiveria della gente, mi fa stare male e mi dispiace per lui. Mi chiedo se tutte le volte che si guarderà allo specchio penserà a questo ragazzo. E' possibile fare qualche cosa? Non vorrei che poi fosse troppo tardi. E' vero che aiuta massaggiarla? Se non si fosse grattato la crosta dopo 1 settimana, sarebbe stato molto meglio? Entro quanto tempo una cicatrice non migliora più (sono passati 20 gg. dall'incidente)? Vi ringrazio davvero per l'attenzione.

Il papà preoccupato di un adolescente.
GRAZIE 1000!

P.S.: una mia nonna ci diede un unguento preparato con olio ed uova da applicare subito e per una settimana alla ferita, non è che abbiamo fatto peggio?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

se non si fosse grattato sarebbe stato molto meglio!

Comunque, le indicazioni del dermatologo sono assolutamente precise e dovranno essere seguite...pazientemente per diverso tempo.


Prego.
[#2] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio Dr. Marcolongo per la sua cortese risposta.

Quindi, secondo lei per quanto tempo possiamo sperare in un miglioramento della cicatrice?

Grazie di nuovo.
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
E' possibile ottimizzare il processo di guarigione applicando gel a base di silicone, acquistabile in farmacia, oltre a proteggere dal sole con la protezione prescritta.


Prego.
[#4] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dott. Marcolongo,

abbiamo provato ad utilizzare Mederma, tuttavia la cicatrice dopo 1-2 soli giorni si è arrossata davvero tanto (sembrava essersi infiammata). Secondo lei è normale e dobbiamo continuare?

La ringrazio ancora ed auguro una buona giornata.
[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
La reazione è considerata fisiologica.


Prego.
[#6] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Ok, allora proveremo anche con quella. Speriamo bene. Cos'altro potremmo fare?

Grazie 1000!
[#7] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Dovete soltanto armarvi di pazienza!

State già facendo tutto ciò che è necessario


Cordialmente.
[#8] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr. Marcolongo,

dopo altri 36 gg. la cicatrice di mio figlio è meno evidente ma solo perchè non è più rossa.

E’ una cicatrice atrofica, leggendo su internet questo livello della cicatrice più basso della pelle circostante è dovuto alla poca capacità del soggetto di riprodurre il collagene necessario. È possibile aiutare questa riproduzione in qualche modo? Ci hanno consigliato i cerotti Hansaplast (ma credo più indicati per cicatrici ipertrofiche) e l'aloe vera…

Dopo due mesi dall’aggressione, credo che mio figlio si terrà questa cicatrice così come è e ce ne dovremo fare una ragione. Mi dispiace sempre più non aver denunciato il ragazzino/teppista che lo ha gettato a terra.

Grazie 1000.
[#9] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Salve.

Se dopo appena 36 gg. la cicatrice è meno evidente significa che si è a buon punto! Continuate con la terapia già in atto.


Per quanto riguarda la mancata denuncia del "ragazzino/teppista"...paradossalmente è stato un vantaggio per Lei; infatti, non dimentichi cosa ha prodotto l'attuale cicatrice di Suo figlio, riferita nel post iniziale
>>> Dopo 1 settimana mio figlio si è tolto una parte delle crosta ed ora si vede ancora la cicatrice (la parte che si è tolta da sola dopo 2 settimane non ha lasciato alcun segno visibile). E' tuttora leggermente rossa.>>>


Prego.
[#10] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr. Marcolongo,

Ringraziandola di nuovo per la sua disponibilità, le pongo le mie tre ultime domande:
1) Mi sembra dalle istruzioni che la pomata Mederma serva soprattutto per le cicatrici arrossate e ipertrofiche. Quella di mio figlio ora non è più arrossata ed è atrofica (livello della cicatrice più basso della pelle circostante), quindi non la debbo più utilizzare, vero? Se la uso faccio peggio?
2) Pensavo di utilizzare il PENTA E OLIO, che ne pensa?
3) L’acqua salina del mare potrebbe danneggiare la cicatrice (da piccolo pensavo il contrario)? Usiamo la max protezione solare ed il cappello, ma un bagnetto al mare non glielo vorrei negare.

Credo che volesse rincuorarmi con le sue parole in merito alla denuncia. Molto probabilmente se mio figlio non si fosse grattato il segno sarebbe ora meno visibile, tuttavia sicuramente senza questa aggressione non ci sarebbe alcuna cicatrice (mio figlio riportò altri danni, ma l’unico visibile ora è questo).
Avrei perso (in Italia si tende a colpevolizzare la vittima), ma forse la denuncia sarebbe servita a far capire a quel ragazzo e famiglia che al contrario di quanto sostengono, scherzare a 15 anni non significa gettare un bambino di 12, che passa lì per caso, nell’asfalto stradale per riderne cogli amici per poi fuggire vigliaccamente lasciandolo sanguinante e dolorante per terra (se fosse passata un’auto?). Poi non ci si deve stupire se a 20 anni i propri figli scherzano gettando pietre dai cavalcavia, tirando pugni ai passanti o dando fuoco ai senzatetto. Per me scherzare ha sempre significato ridere tutti insieme.

Grazie di nuovo e buona giornata/week-end!
[#11] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Salve.

Rispondo con lo stesso ordine alle Sue ultime tre domande:

1) il prodotto citato può essere utilizzato su qualsiasi cicatrice;

2) un antiossidante topico???!!! e per farne che???! (eviti le bufale lette su internet!!!);

3) no!



Auguroni per tutto

[#12] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dr. Marcolongo,

riporto qui di seguito dopo oltre un anno il mio feedback e, per sua convenienza, provo a riasummere in parte la sopraccitata faccenda. La parte della cicatrice di cui mio figlio aveva tolto la crosta, dopo essere stata trattata con innumerevoli creme è ora difficilmente visibile. Invece, paradossalmente, la parte della cicatrice, la cui crosta era cadura naturalmente dopo due settimane e che inizialmente non era visibile e su cui quindi non abbiamo applicato alcuna crema, è ora diventata atrofica ed abbiamo incominciato a notarla solo 2-3 mesi fa (forse il fatto che mio figlio quando ride arriccia il naso non ha aiutato).
Pensa che adesso l'utilizzo della crema Mederma possa essere di qualche utilità? Ritiene che un intervento laser dopo i 18 anni possa aiutare?
Il ragazzino è comunque abbastanza sereno (sicuramente più del padre), deciderà eventualmente lui in futuro sul da farsi. Panta rei.

Qualora dovesse rispondere, gliene sarei ancora davvero grato.

Grazie comunque!
[#13] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentilissimo.

In questi casi nulla è irrecuperabile!

Potrebbe utilizzare anche lo stesso prodotto...ma consiglierei prima una rivalutazione (è trascorso un anno) da parte del dermatologo per una conferma o per la prescrizione di un nuovo prodotto.

Per il laser o metodiche diverse utilizzabili sulle cicatrici se ne preoccuparà, eventualmente, in futuro.


Cordiali saluti.