Utente 100XXX
Salve,
ho una relazione da due anni (1 anno di convivenza) con un uomo di circa 40 anni e da quando l'ho conosciuto non ha mai provato un grande interesse nei confronti della sessualità al punto tale da far passare anche un mese prima di avere un rapporto sessuale. Al termine di un rapporto si alza immediatamente dal letto e corre a lavarsi. E' come se la sua sessualità fosse un atto più che sentito, dovuto e meccanico. Ho provato a chiedere spiegazioni ma tutte le volte si arrabbia imputando la causa di tutto alla stanchezza o facendo passare per normale questa sessualità infrequente. Dopo due anni purtroppo io comincio a risentirne psicologicamente di questa situazione e vorrei trovare una soluzione, qualora ve ne fosse una. Chiedo gentilmente una indicazione relativamente al percorso terapeutico da seguire e la conferma che effettivamente si tratta di un disturbo reale.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,la sintonia sessuale si ottimizza con la convivenza ma non si può ridurre ad un cìrapporto penetrativo che dovrebbe essere sempre la sublimazione di un sentimento reciproco (amore,desiderio,solidarietà,stima etc.).Trovare le cause di ciò in un consulto telematico credo sia riduttivo e fuorviante.Convincere il partner a
consultare un andrologo e,poi,uno psicosesuologo,credo sia,a questo punto ineludibile.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009


La ringrazio per la risposta e per le indicazioni.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Mi associo alle indicazioni del dr. Izzo nella risposta.
La "sessualità é un essere più che un fare", forse un approfondimento delle pieghe psichiche della vostra vita relazionale e sessuale andrebbe effettuata.

Le allego qualche lettura




http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1240/Idisturbi-del-deside
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1268/I-disturbi-del-desid
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3767/Calo-del-desiderio-s
[#4] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2009
Gent.ma Dr.ssa, la ringrazio per la risposta e per le letture allegate.
Posso comprendere il calo progressivo del desiderio sessuale nel tempo ma ciò che non capisco è l'assenza del desiderio sessuale fin dal primo giorno della nostra relazione. Sto analizzando la nostra vita di relazione ma il fatto che sia sempre stato cosi, anche in fase iniziale in cui l'attrazione fisica è al primo posto, mi ha fatto pensare che forse ha un disturbo di base che non è imputabile a me.