Utente 355XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 32 anni, circa 7-8 anni fa ho iniziato a perdere i capelli, che si sono diradati sulla parte superiore della testa. Andai da due dermatologi che mi dissero correttamente che si tratta di alopecia androgenetica, mi prescrissero alcuni farmaci (Diathynil, shampoo Liperol, ecc.) e anche il Propecia Finasteride 1 mg.
Io però il Propecia non l'ho mai preso, neanche una volta, perchè ero un po spaventato dai possibili effetti collaterali a livello sessuale (anche se mi hanno spiegato che sono rarissimi) e dal fatto di doverlo prendere tutti i giorni.
Ora dopo 7-8 anni il diradamento è proseguito ma i capelli non sono ancora caduti tutti, ce ne sono ancora, non sono ancora completamente "pelato".
La mia domanda è: se iniziassi adesso a prendere la Finasteride, potrebbe ancora fare effetto, rallentando la caduta e/o favorendo una ricrescita, oppure ormai è troppo tardi?
Il fatto è che adesso che il diradamento è avanzato e che quindi andando avanti così diventerò "pelato", mi stanno aumentando una certa ansia e disagio per questa situazione, e sarei disposto anche a "rischiare" eventuali effetti collaterali pur di avere la possibilità di porre freno alla caduta se non addirittura una ricrescita, sia pur leggera.
Datemi qualche consiglio, per favore.
Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Certamente è possibile che il farmaco possa avere ancora un effetto soddisfacente sia per l'arresto della caduta che per una inversione almeno parziale della miniaturizzazione del follicolo ,con conseguente aumento della foltezza del capillizio.
Faccia peròsempre capo al suo dermatologo perché è fondamentale averlo come riferimento per la gestione terapia.
Cordalita
[#2] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio Dottore per avermi risposto.
In realtà ieri sono andato dal dermatologo, il quale mi ha detto che ormai è inutile proseguire la terapia conservativa con Diathynil e ci sono due strade: o mi metto l'anima in pace, oppure provare una terapia d'attacco col Propecia; anche secondo lui potrebbe dare ancora dei risultati. Mi ha detto che tutto sta in quello che voglio io, in quelle che sono le mie motivazioni: se per me perdere i capelli non è un problema, allora posso smettere di prendere farmaci, se invece lo considero un problema, non ci sono motivi per non tentare col Propecia, o al limite con Aloxidil. Mi ha confermato che gli effetti collaterali sono molto rari, anche in chi prende la dose da 5 mg per curare la prostata.
Mi ha detto però anche che devo vivere la cosa con più serenità, che perdere i capelli è un problema relativo, che anche senza capelli potrei comunque fare tutto ciò che voglio.
Alla fine mi ha prescritto lo shampoo Anaphase e mi ha consigliato di provare per 6 mesi con Aloxidil, due applicazioni al giorno, che è meno "pesante" del Propecia, e di stare a vedere i risultati.
Io sono ancora indeciso, non so cosa fare.