Utente 291XXX
Buongiorno dottori, vi scrivo a nome di mio padre. Da poco si trova in terapia sostitutiva e ieri sera ha effettuato una iniezione di testoviron. Ci ha riferito di aver infilzato l'ago nel gluteo (destro, parte superiore) e di aver aspirato e nella siringa è entrata una bollicina di sangue, così ha tolto l'ago ed l'ha inserito spostandosi di un paio di centimetri, ha di nuovo aspirato e al momento non ha visto sangue entrare, dunque ha iniettato. Tuttavia, voleva sapere, nel caso avesse beccato una vena magari muovendosi con la siringa, dopo quanto tempo può considerarsi fuori pericolo di embolia e intrombi. Aggiungo che riferisce di avere una sensazione di indolenzimento al polpaccio destro come se avesse meno sensibilità che però non ritiene essere dovuto all'iniezione. Vi ringrazio per le risposte.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La possibilità di embolia e trombi è pari a zero .
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio a nome mio e di mio padre. Buona giornata dottore
[#3] dopo  
Utente 291XXX

Iscritto dal 2013
Dottore, un'altra domanda... Leggevo che un'iniezione intramuscolare di un prodotto in base oleosa come ad esempio il testoviron se fatta male e dunque in vena può provocare anche un'ostruzione di arterie cerebrali che può portare a ictus. Giusto per curiosità, mio padre chiede nel caso appunto di un'iniezione fatta male, dopo quanto tempo ci si può ritenere al sicuro?
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ha letto delle cretinate. Se la sostanza viene fatta in vena non può raggiungere il cervello
Se fosse fatta in un arteria glutea non può certo risalire controcorrente.
La saluto