Utente 359XXX
Gentili Dottori, soffro di extrasistoli sin da bambina, ricordo come fosse ieri un episodio in cui camminavo con mio papà e il cuore aveva battuto forte e poi ero tornato a battere normalmente. Sarà che sono stressata, ma da circa due anni forse anche perché sono dimagrata sento il battito.
Ho tachicardia, le ultime analisi alla tiroide (mia mamma soffre di ipotiroidismo) a febbraio risultavano ok, però ad agosto dello scorso anno risultavano sballate per questo le avevo rifatte. Ho fatto un mese fa l'emocromo tutto ok. Ho fatto diversi ecg a partire dallo scorso anno sempre ok, le uniche diciture strane sono "anomalia atrio destro", tachicardia sinusale 105. Ho fatto un'ecocardio tutto ok, l'unica cosa strana era che il mio cuore pompava come se stessi correndo mentre stavo sdraiata sul lettino. Mi hanno detto di controllare la tiroide, ma di nuovo? Quel che non mi fa stare tranquilla ad ogni modo è che ho paura anche solo di fare una passeggiata perché se già a riposo ho la tachicardia, ho paura di affaticare ancora di più il cuore camminando, oltre al fatto che da quando ho finito il liceo dove almeno un paio di volte a settimana per due ore facevamo educazione fisica, non faccio più niente, prendo l'autobus per andare in università, qualche passeggiata ogni tanto ma poi niente. Il mio ex ragazzo dice che ho l'affanno per questo (fumavo fino a un anno fa ora ho smesso), mio padre dice che gli infarti alla mia età vengono soprattutto se sto senza fare movimento, avranno sicuramente ragione ma mi viene un affanno bruttissimo anche solo a parlare. Ho smesso di bere caffè (ultima volta ad agosto), di mangiare cioccolato anche se è difficile, non bevo alcolici, non bevo più coca cola o bevande eccitanti, neanche il tè. Mi allontano da mio padre quando comincia a fumare. Ma niente, sempre tachicardia. Una cardiologa mi ha detto che potrei soffrire di tachicardia parossistica perché le spiegavo che quando mi alzo dal divano mi prende la tachicardia, e mi capita anche quando mi alzo dal letto o se rido o parlo. Sarà una stimolazione del nervo vago dato che soffro di cervicale? Inoltre le spiegavo che ultimamente le extrasistoli sono peggiorate: a giugno ne ho avuta una potente dopo mangiato, mi ero seduta sul letto e il cuore aveva preso improvvisamente a battere veloce e poi con la stessa velocità era tornato a battere normalmente, e che stessa cosa mi era successa questo mese mentre stavo tranquilla al computer e un'altra volta mentre ero seduta sul divano a guardare la tv. Una cosa comunque monitorando queste extrasistoli l'ho notata: quando sto molto in piedi o mi muovo molto, so che se mi metto sdraiata sul letto mi verrà l'extrasistole potente perché sento che appena mi sdraio per il petto e il cuore è una liberazione e arriva l'extrasistole. Sarà che il cuore non è abituato al movimento? Ne ho comunque di altri tipi: alcune sono come una sorta di sfiato d'aria che dal cuore va in gola e le ho sempre, altre mentre sto in piedi sono come un terremoto, come se il cuore si mettesse seduto bene. Che devo fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L. cosa più intelligente da fare nel suo caso è un holter in modo da chiarire cosa succeda al suo ritmo quando ha quei sintomi.
È importante che lei esegua anche un ecocolordoppler cardiaco per valutare le dimensioni dei ventricoli, degli atri e la morfologia valvolare.
Dato inoltre che da quanto lei dice l anno,passato gli esami tiroidei "erano sballati" conviene che lei ripeta TSH, fT3, fT4 ed anticorpi anti tiroide.
Cordialità
[#2] dopo  


dal 2014
Grazie per la celerità.
La cardiologa mi ha consigliato di controllare la pressione arteriosa, l'avevo fatto durante questa estate per un po' di giorni, le riporto i dati:

giorno 1 mattino: minima 86 massima 139 frequenza cardiaca 103
pomeriggio: min 84 max 119 frequenza cardiaca 85
giorno 2 mattino: min 80 max 134 frequenza cardiaca 96
pomeriggio: min 79 max 133 frequenza cardiaca 77
giorno 3 mattino: min 81 max 127 frequenza cardiaca 103
giorno 4 mattino: min 86 max 130 frequenza cardiaca 104
giorno 5 mattino: min 74 max 126 frequenza cardiaca 85
pomeriggio: min 62 max 96 frequenza cardiaca 79
giorno 6 mattino: min 77 max 110 frequenza cardiaca 77

Sarà il caso di controllarla in ambulatorio nuovamente? Inoltre mi ha consigliato holter sotto sforzo, sarà il caso di fare anche questo? Nel frattempo comunque che mi appresto a fare gli esami da Lei raccomandatomi, posso domandarLe (visto che sicuramente passerà minimo un mese prima di trovare posto) se devo usare qualche accortezza? Posso uscire e fare qualche passeggiata o sforzo? Volevo iscrivermi ad un corso di yoga dove faremo esercizi fisici, è il caso?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile Signirina lei può fare l attivita fisica che vuole.
Eviti di fare come i novantenni malati che si misurano ogni due minuti pressione frequenza.
L holter sotto sforzo non esiste, probabilmente la sua dottoressa le ha consigliato un ECG sotto sforzo, che può anche fare.
Ma se vuole,un consiglio spassionato .....spenga il computer, regali l apparecchio di misurazione della pressione a qualcuno che ne ha davvero bisogno ed esca di casa. Probabilmente trovera qualche ragazzo che le farà battere il cuore veloce, almeno per un motivo serio
Saluti
[#4] dopo  


dal 2014
Ahah, grazie mille Dottore, oltre che gentile anche simpatico. Guardi, se seguo questi consigli è solo perché nella mia famiglia ci sono stati due casi di cardiopatia ischemica da parte di mia madre (sua mamma e uno dei suoi fratelli).
Saluti anche a Lei
[#5] dopo  


dal 2014
Gentile Dottore, come Le avevo detto ho iniziato il mio corso di yoga! Per il momento ho fatto solo un paio di lezioni, nella prima mi è capitato che in certe posizioni o in certi esercizi di respirazione mi venissero degli sfiati d'aria da petto a gola, ha presente quando si ingoia male qualcosa e la gola si apre e si chiude ritmicamente? Ecco una cosa di questo genere ma che mi parte dal petto o dal cuore non riesco a capirlo e mi sale in gola. Ieri però è stato allucinante: il maestro ci fa fare tantissimi esercizi di respirazione, molto "pesanti", fa da "addestratore" ai sub quando vanno in apnea quindi può capire. E poi esercizi di solito di tipo stretching.
Ieri finita la lezione ho avvertito che qualcosa non andava perché faticavo a respirare, mentre mi allacciavo le scarpe avevo i soliti sfiati d'aria, ma non ci ho fatto molto caso, quando sono uscita dalla palestra è stata una raffica, li ho avuti per 10 minuti mentre tornavo a casa continui, mai successa una cosa del genere. Ho controllato il battito per capire se fossero extrasistoli ma non sono sicura di aver capito perché ho sentito il cuore fare due battiti e pausa e poi due battiti e pausa e poi ho riprovato a risentire il battito e batteva normalmente, non avevo dolori, quindi mi domando cosa possa essere successo e se sia il caso di continuare a fare yoga se devo avere questi problemi.
Saluti
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gli esercizi di respirazione influenzano molto in senso benefico il ritmo cardiaco
Prosegua tranquillamente lo yoga e programmi un holter come le ho già consigliato
Arrivederci