Utente 245XXX
Salve dottore, assumo 1/2 compressa di Lobivon da %mg. Credo che questo mi comporti una disfunzione erettile, prima non soffrivo. Dovendo comunque assumere questo farmaco (lieve angina da sforzo, spasmi in coronarie sane), Le chiedo si può intervenire in qualche modo, per cercare di normalizzare la cosa? Ho 62 anni,certo... però! Ho chiesto ad una andrologo mi dice che modificando il trattamento si può ovviare a ciò. Mi dice di parlarne al cardiologo. Lei mi può suggerire qualcosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Salve, io le posso suggerire solo di parlare col suo cardiologo curante. Ciò che lei lamenta è un effetto avverso molto comune all'assunzione dei beta bloccanti.
Spero che insieme possiate valutare l'opportunità di una variazione di terapia, anche se mi dispiacerebbe se ciò dovesse comportare il ripristino delle sue condizioni di partenza.

Ciò che voglio dirle in sostanza, pur capendo perfettamente il suo problema che è quello di tanti altri: preferisce un beta-bloccante meno protettivo sulle coronarie e più favorente le erezioni? È sicuro di voler "barattare" la salute delle parti basse con quella del suo cuore?
Scusi il mio tono molto sarcastico ma è nel mio esclusivo interesse aprirle gli occhi.

È vero che molti altri farmaci, anche assunti a dosi elevate, possono in buona parte compensare la mancanza di un beta bloccante, ma consideri che nella sua situazione esso è un cardine.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
...Grazie dottore, ho capito ..c'è poco da fare..certo il cuore è prioritario, mi devo mettere l'anima in pace. MI comporta anche una sonnolenza, che ha volte è fastidiosa, fortuna che non influisce sui riflessi..ho già sperimentato. Si può fare qualcosa per ovviare alla sonnolenza? Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
È sicuro che la sonnolenza è iniziata dopo aver cominciato il lobivon?
Prende altri farmaci? Se si, quali?
[#4] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
SI, dottore sono sicuro. Prima prendevo un caffè....che bilanciava un pò( anche s'è un controsenso), poi ho avuto problemi di reflusso e gastrite...prendo Pariet 20mg,non ho piu potuto prendere, è ho questo problema, qualche giorno è rilevante, non sò come fare. Grazie.
[#5] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Un ultimo chiarimento: da quanto tempo prende il lobivon, da quanto tempo è iniziata questa sonnolenza e da quanti giorni si è intensificata?
[#6] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
Prendo il Lobivon da 4 anni...è iniziata subito, appena ho cominciato col Lobivon, anzi l'ho dovuto ridurre a metà compressa, come mi ha suggerito un altro cardiologo. Non si è intensificata, è costante. ma dipende dai giorni. E più Marcata nei giorni in cui dormo meno, ho notato.. Grazie.
[#7] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Secondo me non è il lobivon, peraltro a dose dimezzata, a causarle la sonnolenza, che quindi va indagata altrove.
Saluti.
[#8] dopo  
Utente 245XXX

Iscritto dal 2012
Credo proprio dipenda dal Lobivon, dottore. Infatti qualche volta che ho dimenticato di prenderlo, non ho avuto sonnolenza. Non ho rapporti più col cardiologo che mi face fare gli esami e me lo prescrisse, abitiamo lontano tra l'altro.Grazie
[#9] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
nessuno più di Lei, che prova sulla propria pelle, può sapere meglio gli effetti che mi descrive.
A questo punto posso suggerirle, però che avvenga sotto stretto controllo medico cardiologico o del medico di famiglia, di cambiare beta-bloccante e stare ad osservare.
Il problema si porrebbe se i sintomi persistessero con TUTTI i beta-bloccanti. Non che non vi siano alternative ad essi (come già accennavo sopra) ma resterebbe a quel punto privo di un farmaco che, analizzando la sua storia clinica, è indispensabile per lei.
Cordiali saluti.