Utente 358XXX
Gentili dottori, buonasera
Sono una ragazza di 20 anni, e soffro di ansia ed attacchi di panico.
Sabato notte mio padre è stato ricoverato a causa di un infarto, e da quel giorno ho cominciato ad avvertire palpitazioni, tachicardia, respiro corto, oppressione allo stomaco con acidità e reflusso, praticamente non sono ruscita più a digerire nulla. Avverto dei fastidi al petto e un dolore dietro tra le scapole che però sembra quasi un dolore muscolare. Questa notte mi sono svegliata con la paura di avere un infarto in corso, con tachicardia, palpitazioni e dispnea. E' il caso che vada al pronto soccorso? o la mia è solo ansia e suggestione epr quanto è successo a mio padre? Quali sono le probabilità di avere un infarto o problemi cardiaci a 20 anni premettendo che fino a qualche anno fa facevo sport a livello agonistico, con ecg sempre nella norma, a parte qualche soffio e recupero un po' più lento?
Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buongiorno,il rischio di problemi di ischemia cardiaca aumenta con l'età. È possibile che lei sia solo preoccupata per cio che è successo a suo papà, tuttavia se il disturbo persistesse si faccia visitare dal suo medico.

Cordiali saluti,
Alessandro Durante