Utente 362XXX
Ciao. Ultimo RMN fatto in 02.09.2014 a confermato la ;
Desiderato il disco compreso tra L4-L5, in presenza di produsione in corrispondenza
del recesso laterale e di tratto intraforaminale sn. presenza di ernia espulsa, visualizzabile in prossimità della regione intraforaminale sinistra , dello spazio discale sottostante.
Disco tra L5-S1, ridotto di spessore e disidratato in presenza di ernia sottolegamentosa, intraforaminale sinistra.
Si operano in un solo intervento , o si interviene in due operazioni?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvio Boer
28% attività
12% attualità
16% socialità
TORRE PELLICE (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
La domanda che ci pone avrebbe bisogno di una serie di approfondimenti molto più specifici a seconda dei sintomi e dei problemi legati alla sua persona per vedere se esiste indicazione o meno all'intervento. Ma se desidera solo sapere se sia possibile operare nella stessa seduta i due spazi (L4-L5 e L5-S1) la risposta è si anche se normalmente si tende ad operare lo spazio che determina una maggiore compressione della radice nervosa causa dei sintomi e del dolore. Cordiali saluti,Dr.Silvio BOER
[#2] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dell'imediata risposta capisco che non è facile dare una diagnosi a distanza
quindi la mia situazione è ché ;??
Sono state supporto al intervento due settimane fa:Microdiscectomie L4-L5.
Dopo due giorni in avanti o ancora deficit sensitiv dal piede sinistro punta dito grande verso in su, alterazione dei riflessi, riduzione della forza verso gamba è un forte dolore addominale sinistra prolungato verso gamba(difficoltà delle feci).
Sintomi avute anche prima del intervento.
Problema si mette così. ... devo fare un altro intervento al disco L5-S1?
Vi ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Prof. Antonio Cassaro
24% attività
8% attualità
0% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2014
Può essere sottoposto, come ad intervento su un solo livello L4L5 che è quello che , certamente Le dà il dolore maggiore. La protrusione L5S1 può essere trattata successivamente se eventualmente dovesse dare dolore marcato.
[#4] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
***ATTENZIONE!*
[#5] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
Dopo dolore e sufferenze in 24/10/2015 esame RMN eseguito dice:
Abolizione della fisiologia lordosi lombare.Regolare l'allineamento metamerico posteriore.Segni di spondilosi e di disidratazione dei dischi intersomatici L2-L3,L4-L5 e L5-S1.Alivello L4-L5 il disco intersomatico è ridotto in altezza con protrusione posteriore ad ampio raggio prevalente in sede intraforaminale sn e piccola ernia posteriore paramediana sn fissurata;ne risulta riduzione in ampiezza del recesso laterale e del canale di coinugazione sn.A tale livello concomita iperintensità delle porzioni inferiore sn del soma L4 e superiore L5 sn,di significato algodistrofico degenerativo.Esiti chirurgici L5-S1 di microdisectomia mediante laminotomia sn;a tale livello disco è marcatamente ridotto in altezza con con evidenza di tessuto isointenso in T1-T2 nelle pozizione superiore del canale di coniugazione sn compatibile in prima ipotesi con alterazioni fibrotiche postchirurgiche, concomita ernia discale intraforaminale sn fissurata che impegna la porzione più laterale del canale di coniugazione e contatta la radice L5 corispondente.cono midollare regolare per morfologia e segnale con estremo distale a livello L1.
Vi ringrazio anticipatamente.
[#6] dopo  
Dr. Silvio Boer
28% attività
12% attualità
16% socialità
TORRE PELLICE (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Utente, è purtroppo veramente difficile darle delle indicazioni corrette in un caso complesso come il Suo. Intanto non è solo il referto di un esame che possa aiutarci a risolvere i suoi problemi ma soprattutto la visita corredata dalla sua storia clinica che purtroppo ci manca completamente insieme alle sue abitudini lavorative, stile di vita e a quanto sia successo in 1 anno a questa parte, sul tipo di intervento eseguito e su quanto sia stato fatto in termini di Fisioterapia successivamente. L'unico consiglio che mi sento di darLe è quello di farsi rivisitare dal Collega che ha eseguito l'intervento e da chi lo ha seguito successivamente oppure rivolgersi ad un Chirurgo esperto di patologie della colonna o in un centro specializzato in Fisioterapia del Rachide. Cordiali saluti, Dr.Silvio BOER