Utente 786XXX
Gentile dottore,
ho un bimbo di circa un mese e mezzo. E’ nato il 15/07/2008 e intorno ai venti giorni di vita è comparsa, attaccata all’ano, dapprima una pallina sottocutanea e poi una bolla. Gli hanno diagnosticato un’ascesso perianale che nel giro di una settimana si è aperto verso l’esterno facendo fuoriuscire il pus. Adesso si è richiuso ma si vede chiaramente che l’infezione sottopelle è rimasta.
Due chirurghi e la pediatra ci hanno suggerito l’intervento subitaneo sia pure senza urgenza.
Altri due chirurghi ci hanno detto che il tempo gioca a nostro favore e che è bene aspettare senza intervenire chirurgicamente.
Tutti ci hanno prescritto una settimana di antibiotico per via orale (eritromicina), applicazioni ad oltranza sulla parte di amuchina e gentamicina.
La confusione per me e mia moglie è tanta.
Il bambino è molto piccolo (poco più di un mese di vita), la preoccupazione per un’anestesia totale, ed inoltre mi preoccupa molto il rischio di incontinenza. Sin da quando è nato scarica le feci in modo molto rumoroso e molto frequente (anche 5-6 volte al giorno).
Cosa dobbiamo fare? Intervenire o aspettare che cresca il bambino?
La ringrazio cortesemente. Un papà molto preoccupato.
Donato

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Niglio
24% attività
0% attualità
8% socialità
FOGGIA (FG)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
***ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.