Utente 362XXX
Buonasera sono un ragazzo di 23 anni, nel novembre 2013 dopo vari episodi di "vuoto" al centro del petto con sensazione di fame d aria seguita da aumentato battito cardiaco dopo l'attività fisica (calcio e pesi in palestra) e durante, decido di andare in ps e mi sospettano una sindrome di brugada tipo 2 mi dicono di cessare l attività sportiva e mi consigliano il test all'ajmalina. Spaventato vado a fare una visita al centro cardiologico Monzino, dove il cardiologo dopo aver guardato l'ecg e quelli precedenti (ne ho molti perché giocavo a calcio a livello agonistico)
non trova nessuna traccia della sindrome e non essendo mai svenuto e neanche morti sospette in famiglia mi dice di non fare assolutamente il test. Mi prescrive per sicurezza holter 12 derivazioni, test da sforzo e un holter 7 giorni da fare partire manualmente nel momento della crisi. Tutto nella norma, mi da anche l'idoneità per sport a livello agonistico. Per la paura smetto del tutto l'attività sportiva per più di anno. A gennaio di quest anno rinizo a fare sport andando in palestra (fatta visita per attività sportiva con ecg) e dopo qualche allenamento ecco di nuovo questa strana sensazione di vuoto al centro del petto seguita da aumento del battito cardiaco ed ecco ritornare la paura per la sindrome di brugada. Volevo chiederle se questi possono essere degli avvertimenti della sindrome di brugada? Mi consiglia di tornare da un cardiologo e effettuare il test all ajmalina? Una persona con sindrome di brugada tipo 2 può allenarsi in palestra?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buongiorno,
Innanzitutto bisognerebbe visionare gli ecg per valutare la morfologia e la possibile presenza di pattern ecg di brugada, in quanto lei non sembra aver avuto le manifestazioni della sindrome.
Se il cardiologo che l'ha visitata non ha ritenuto di procedere ad ulteriori esami avrà avuto buone ragioni. Un test farmacologico andrebbe fatto quando ci sono fondati dubbi, per cui se vuole può chiedere un parere sui suoi ecg e sintomi ma la prescrizione del test spetta ad uno specialista.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta, ma volevo capire se questi strani vuoti al petto possono essere collegati al brugada? o se la sindrome non ha sintomi lievi ma solo svenimenti con perdita di conoscenza e arresto cardiaco? Nel caso fosse confermata il brugada con pattern tipo 2 si può svolgere attività fisica e lavori pesanti? Con il test farmacologico l'arresto cardiaco può verificarsi solo in persone con sindrome di brugada o anche in persone sane?