Utente 325XXX
salve,la settimana prossima mi sottoporrò ad ablazione ed eventuale sbiancamento.Tuttavia,ad agosto 2013 feci una pulizia+sbiancamento la quale fu totalmente inutile,in quanto i denti non cambiarono il colore,infatti "casualmente" la dentista in questione,una ladra,mi disse successivamente che per avere i denti bianchissimi,avrei dovuto fare altre 2-3 sedute del costo id circa 300€ l'una,Ovviamente l'ho mandata a quel paese,ed ho appuntamento da un altro dentista,ma vi chiedo una cosa,com'è possibile che quella seduta con la lampada non cambiò praticamente niente?Esistono possibilità che dopo una VERA seduta professionale il colore non cambi?Ovviamente ne riparlerò col dentista che mi vedrà la settimana prossima,ma nel frattempo mi piacerebbe sentire anche altri pareri.
cordialmente
[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Dopo una VERA seduta di sbiancamento professionale i denti cambiano colore (se si tratta di giallo, non se si tratta di strisce grigie), eccome se cambiano!

Personalmente preferisco la tecnica domiciliare con l'allestimento di mascherine da indossare di notte.
Ma non è imporante: entrambe le tecniche vanno bene.
300 euro a seduta ... Preferisco non commentare.
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
la cosa che mi lascia perplesso è che il mio medico di base me l'ha sconsigliato sostenendo che la famosa lampada sia troppo invasiva.Comunque,io preferirei una sola seduta con la lampada,un qualcosa di rapido.Le mascherine quanto tempo richiedono?
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Un paio di settimane.
A mio parere è il sistema migliore: più lento è lo sbiancamento più è duraturo nel tempo.
[#4] dopo  
Dr. Marco Capozza
40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Prima di uno sbiancamento è necessario un esame della dentatura per escludere eventuali controindicazioni e per valutare l'origine e la tipologia di colorazione dentale. Si usa una apposita scala cromatica per misurare lo sbiancamento, diversa da quella usata in protesi dentale (semplificando è come una scala colore in bianco e nero).
Non tutti i denti rispondono infatti allo sbiancamento alla stessa maniera.
Esistono vari tipi di sbiancanti.
La normativa europea è cambiata negli ultimi anni ed ha reso ancora più sicuro lo sbiancamento ma lo ha reso anche più difficile perchè ha posto un limite alla concentrazione del principio attivo.
Escluderei gli sbiancanti non professionali che hanno concentrazioni di principio attivo veramente basse.
Tra quelli professionali sono comparsi gli sbiancanti peroxide-free che non contengono perossido. Sono efficaci e senza grandi effetti indesiderati ma hanno un effetto non duraturo. In compenso costano poco e possono essere ripetuti.
Gli sbiancanti più efficaci richiedono applicazioni in studio ed a casa, mediante mascherine riempite con gel sbiancante. La procedura è più lunga ma il risultato più intenso e duraturo. Gli effetti indesiderati, come la sensibilità dentale, sono maggiori. La procedura lunga consente comunque di modulare l'applicazione e di intervenire in tempo. Il costo è decisamente più alto.
Le lampade normalmente utilizzate sono a Led, accelerano lo sbiancamento ma non sono in grado di provocare danni (in mano ad un dentista).
Il tipo di sbiancamento dovrebbe essere scelto quindi dopo un colloquio in cui si valuta lo stato dentale, l'obiettivo, gli effetti indesiderati possibili, la durata prevista ed il costo.

Cordiali saluti