Utente 350XXX
Buongiorno dottori, vi chiedo aiuto perchè stamattina mia moglie si è puntra con l'ago che mia suocera usa per il controllo del diabete, da premettere che mia suocera tempo fà ha preso l'epatite b dal dentista diventatnto portatrice sana, ebbene lo tovata disperata , in quanto stiamo facendo anche tutti gli esami per un aventuale fivet.
Vi quante possibilità di essersi contagiata ci sono è quali conseguenze ..
in attesa di una vostra risposta vi ringrazio
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
il rischio è sicuramente basso.
Una valutazione più concreta del medesimo si potrebbe avere conoscendo il pattern immunologico di sua suocera per HBV.

Io credo che se stiate programmando una FIVET, a scanso di rischi, e con il consenso ovviamente del curante, entro 72 ore e comunque al più presto sua moglie potrebbe giovarsi della somministrazione di immunoglobuline iperimmuni anti HBV associate al vaccino anti HBV secondo la schedula di somministrazione standard.

Se vuole mi faccia pure sapere.

Cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore, dunque cè il bisogno che mia suocera faccia un esame più accurato(pattern immunologico)? non serve fare i markers per epatite , che nel bubbio abbiamo convinto a fare stamattina..
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
il pattern immunologico per Epatite B sono i markers per Epatite B.
Andava anche aggiunto l'HBV DNA quantitativo con PCR.
Cordiali saluti.

P.S. E se nel frattempo venisse un HBeAg positivo in assenza di Anti HBe Ac, un alto indice di replicazione virale e quindi una potenziale elevata infettività?
Non sarebbe stato meglio considerare le immunoglobuline iperimmuni entro le 72 ore?
Si consigli con il curante, anche in vista della FIVET.
Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
Caro Dottore, purtroppo le analisi di mia moglie hanno avuto un esito drammatico ...siamo stati chiamati dal analista per avvisarci che mia suocera L'ESITO ERA TUTTO NEGATIVO E avava avuto tempo fa una aptiteB,
Ma a mia moglie avevano scoperto per caso la positività al HCV con un risultato di 6,8
ci ha consigliato di fare entrambi i test, anche io, e lei quello di conferma
dunque recandoci dal curante ci ha sconsigliato non di ritornare dall'nalista PVT ,ci siamo recati all'ospedale il gg dopo per sottoporci all'esame del sangue,,, dove sono usciti tutti negativi....non ci stamo capendo nulla , ora aspettiamo tra 10 gg il test di conferma che al parere dell'analista sarà negativo siamo ancora preoccupati...non non sappiamo a chi abbia fatto l'errore...
grazie salui
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
io consiglio sempre stutture pubbliche qualificate specialmente quando si tratta di esami infettivologici.
L'ideale è rivolgersi ad un Ospedale ove c'è un reparto di infettivologia, o un ambulatorio di una Clinica delle Malattie Infettive Universitaria.

Sconsiglio sempre i laboratori privati, perchè, tranne poche eccezioni, nella mia esperienza ho visto rilasciare referti che non stavano nè in cielo nè in terra.

E' molto probabile che la HCV positività di Sua Moglie riscontrata dal laboratorio privato sia un errore nella esecuzione dell'esame.
E che dunque, come attestato dal laboratorio dell'Ospedale, sua moglie non sia HCV positiva.
Come test di conferma è stata effettuata la ricerca qualitativa del HCV RNA mediante PCR?
Io sono sicuro che qualunque test di conferma, se quelli di primo livello hanno dato esito negativo, sarà negativo: in sostanza sua moglie non risulterà affetta da epatopatia HCV correlata.

Conservi la documentazione del laboratorio privato: è un grave errore e potrà servirle se vorrà intraprendere una azione medico - legale a tutela Sua e degli altri utenti.

Aspetto buone nuove.
In bocca al lupo!!
[#6] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
CREPI IL LUPO
Caro dottore, la ringrazio sempre anticipatamente per la sua gentilezza,

i test che hanno effettuato amia moglie sono i seguenti

infatti non sappiamo quale sia il test di conferma ,ci hanno detto solo di aspettare

altri 10 gg essendo un struttura pubblica ,ma nel frattempo ci hanno dato

questirisultati.

ALANINA AMINOTRASFERASI (ALT) 27
ASPARTATO AMINOTRASF (AST) 20
BIRULINA TOTALE 2.19
BIRULINA DIRETTA 0.64
BIRULINA INDIRETTA 1,55


VIROLOGIA
VIRUS EPATITE C [HCV] non reattivo
VIRUS EPATITE C [HCV] Quant 0,07

ora non so quale sia il test di conferma , cmq sula prescrizione cera anche una prescrizione denominata

VIRUS EPATITE C [HCV] IMMUNOBLOTTING.

Volevo farle unaltra domanda per quanto riguarga lei ha detto di conservare la

documentazione dell'esame privato ad intraprendere un azione medico-legale

intende fare causa all'analista x danno morale? visto che io e mia moglie
siamo quasi cadutì in depressione per 7 gg
grazie di nuovo per la disponibilità
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
se il risultato dovesse essere palesemente errato, l'analista va come minimo redarguito a dovere.

Per una eventuale azione legale, se convenga intraprenderla e per quali fattispecie, deve consultare un medico legale o un avvocato. Sicuramente non rientra nelle mie competenze la valutazione del caso di specie.

Ovviamente bisognerà aspettare il fantomatico test di conferma e la sua negatività. Faccio notare che il migliore test di conferma è la ricerca in PCR dell'HBV DNA qualitativo. Non capisco tutta questa segretezza...

Il quadro epatico, necessiterebbe dei range di riferimento (in particolare se la bilirubina è dosata in mcrmoli/l o in mgr/dl).

L'immunoblotting HCV sarebbe servito se fossero stati presenti anticorpi anti HCV, come test di conferma, anche se la ricerca qualitativa dell'HCV RNA (la conferma con i NAT tests insomma) è dotata sena alcun dubbio di una probatività assoluta, rispetto ai tests su anticorpi.
Ma in tempi di magra, nella sanità dopo lo sperpero e l'arricchimento illecito passato, presente e futuro, si fa finta di risparmiare.
Per fortuna sua moglie è HCV negativa è non sarà necessario alcun Immunoblotting.

Se ha piacere di farlo mi aggiorni quando avrà i risultati del test(?) di conferma per HBV.

Cordiali saluti.






[#8] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
Gentilissimo dottore vi scrivo i risultati del

Riba HCV Conferma

RIBA TEST (EPATITE C)

REGIONE EPITOPI NEGATIVO

core C1 -

" C2 -

IPERVARIABILE E 2 -

ELICASI NS3 -


STRUTTURALE NS4 -

" NS5 -


CI tenevamo a sapere la sua opinione

cordiali saluti
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentili Signori,
ringrazio per la fiducia.

E' evidente che il RIBA - Recombinant Immunoblot Assay - test è assolutamente negativo.

Tuttavia è un test che si esegue su anticorpi con metodica Immunoblotting, mentre la ricerca qualitattiva dell' HCV RNA by PCR (Polymerase Chain Reaction) ricerca direttamente l'acido nucleico virale. Anche se è più costosa per il SSN!

Ad ogni buon conto, da questo RIBA Test la Signora non mostra anticorpi contro alcuna componente del virus HCV.
E' dunque da considerarsi sieronegativa per HCV.

Cari saluti.