Utente 374XXX
Salve,
da circa 6 mesi ho una protuberanza al polso che mi crea dolori a volte anche forti, soprattutto se premo in determinate zone del palmo della mano creando un dolore esteso alla mano stessa ed al pollice. Il mio medico mi ha consigliato di fare un'ecografia e questo è il risultato:

Alla tumefazione apprezzabile palpatoriamente a livello della regione volare del polso di sinistra corrisponde neoformazione anecogena con scarsa vascolarizzazione al powerDoppler, margini apparentemente regolari, del diametro di circa 4,6x2,3x9,1mm. La lesione è locata nei piani sottocutanei e prende rapporti di contiguità con le sottostanti strutture tendinee senza apprezzabili sicuri segni di infiltrazione.
ipotesi diagnostiche: neoformazione similcistica (sinoviale?tendinea?) che necessita di valutazione chiriugica.

subito dopo i risultati mi sono rivolta al mio chirurgico che mi ha detto di vedere subito un ortopedico e che la cisti va asportata in ambito ospedaliero in quanto si trova vicino a vasi sanguigni e che quindi bisogna immobilizzare il polso onde evitare possibili emorragie.

Vi scrivo per avere un secondo parere.
cordialmente
Maria Rosaria

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Federico Tamborini
36% attività
20% attualità
16% socialità
VARESE (VA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

innanzitutto la tranquillizzo: non rischia alcuna emorragia e non e' necessario immobilizzare il polso. Vista la posizione e le dimensioni la diagnosi piu' probabile e' un igroma o ganglio cistico. E' una estroflessione della capsula articolare del polso. L'asportazione e' indicata se la lesione determina una sintomatologia (come nel suo caso). L'intervento si esegue in regime di Day Surgery in anestesia di plesso ascellare.

Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio infinitamente per la sua risposta tempestiva.

Le auguro una buona serata.

Cordialmente
Maria Rosaria De Carlo
[#3] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Mi scusi, mi permetto di farle un'ultima domanda, cosa vuol dire scarsa vascolarizzazione al powerDoppler?
[#4] dopo  
Dr. Federico Tamborini
36% attività
20% attualità
16% socialità
VARESE (VA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Significa che la neoformazione è poco o per niente vascolarizzata (come nel caso degli igromi che hanno come contenuto il liquido articolare). Ecocolordoppler è lo strumento che permette di studiare i flussi sanguinei.
[#5] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio infinitamente. E' stato molto gentile.

cordialmente
Maria Rosaria