Utente 314XXX
Salve. Sono stato operato due settimane per un'ernia inguinale, Taglio di 9 cm sull'inguine e inserimento della retina. Recupero doloroso, poco alla ferita esterna, molto all'interno, in prossimità dell'attaccatura tra pene e scroto. Ancora oggi, se ad esempio esercito una leggera pressione addominale , avverto dolore. Tuttavia il problema che più mi spaventa, è la comparsa nel pene di alcuni "spaghetti" poco duri in stato flaccido e molto più duri ed evidenti in erezione. Ho subito notato subito dopo l'intervento le mie dimensioni erano come diminuite, mentre ora si sta riprendendo.. Il cordoncino si presenta duro al tatto, parte dalla base centrale e percorre tutto il pene, mentre un altro parte dalla parte destra vicino alla zona in cui avverto dolore e si estende per uqalche cm. Il mio dottore ha detto che è dovuta alla cicatrizzazione dei tessuti, il chirurgo mi ha addirittura liquidato dicendo che lui non sente nulla.. Potrebbe essere un'infiammazione delle vene, magari perchè hanno toccato qualcosa? Sono molto preoccupato.. Inoltre quando è flaccido e tiro giù la pelle, è bella evidente una vena più prnunciata rispetto alle altre in termini di gonfiore. E il caso che vada al pronto soccorso?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da quello che ci racconta in modo, a dire il vero, un pò confuso, potrebbe trattarsi di una flebite o di una linfangite, apparentemente non drammatica, ma ora, per avere una diagnosi più precisa e corretta, bisogna sentire in diretta sempre il suo andrologo di riferimento che, valutato attentamente l'eventuale suo reale problema, poi imposterà le indicazioni terapeutiche più mirate.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
E' normale che dopo l'intrevento, il getto d'urina è storto e incontrollabile?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
E' stato inserito un catetere durante o dopo l'intervento?
[#4] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
No nessun catetere
[#5] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Cioè dopo l'intervento ne sono sicuro.. Durante non lo so, perché non vedevo nulla... Ma non credo
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Allora, da questa postazione, senza poter veder nulla in diretta, poco di concreto e serio le possiamo dire.

Risenta ora il suo chirurgo.

Ancora un cordiale saluto.
[#7] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Sono stato dal mio dottore.. Ha accennato ad una possibile infiammazione e di fimosi.. Secondo lei può essere ? Mi ha rimandato comunque da un urologo per approfondire ..
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si non è da escludere anche se, non avendo visto nulla, purtroppo non posso confermarle nulla.

Ancora un cordiale saluto.
[#9] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
La fimosi non è l'impossibilità di scoprire il glande ? Io ci riesco bene.. Anche se devo dire che da quando mi succede ciò, il prepuzio è come se stringa un po' il glande , marcando il segno ed evidenziando la differenza di colorazione tra la parte coperta e quella scoperta dalla pelle.. Cosa ne pensa ?
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Penso che se ha dei dubbi ragionevoli sulla diagnosi fattale è bene sentire in diretta altro andrologo prima di prendere una decisione di tipo chirurgico.

Ancora un cordiale saluto.
[#11] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Non mi è stata fatta nessuna diagnosi ancora.. Il mio medico di base nemmeno mi ha controllato direttamente.. Ha accennato di urologo e fimosi... Volevo solo sapere se una fimosi può portare ad una instabilità del flusso urinario e secchezza del glande...
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In alcuni casi può succedere ma, per una valutazione precisa e corretta del suo problema clinico, ora bisogna sempre sentire in diretta un bravo andrologo od urologo.

Ancora un cordiale saluto.
[#13] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
ho fatto la visita urologica ( il dottore è anche andrologo ) mi ha fatto stendere e controllato prima a vista il pene.. poi mi ha fatto una presumo ecografia e ha detto che la prostata era piccolissima ( dovrebbe essere una cosa positiva ) e che anche la vescica era apposto.. siccome avevo lo stimolo di urinare mi ha fatto urinare e ricontrollato la vescica dicendo che il rpm era fisiologico e del tutto normale.. ha però notato come un edema nel glande, causato secondo lui da una infiammazione del frenulo troppo arrossato e breve, che secondo lui è la causa dell'edema e conseguente deviazione finale del getto.. secondo lei può essere? mi ha consigliato una frenuloplastica...
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, potrebbe essere questo il suo problema clinico.

Risenta ora in diretta il suo andrologo di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.
[#15] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Scusi dottore e se il problema fosse di origine sanguigna ? Da quando sono comparsi quei cordoncini duri , il mio pene ha modificato anche un po' la consistenza erettiva.. Mi sembra molto più morbido e gommoso in erezione , mentre a riposo sembra come
Vuoto e leggero.. Potrebbe essere qualcosa che scaturito da una trombosi abbia provocato ciò ?
[#16] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Le chiedo questo perché ho notato che quando mi masturbo, dopo L eiaculazione , togliendo la mano noto le impronte digitali del pollice sull asta del pene che resta di colore giallo/verde per qualche secondo
[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Anche questo è un sintomo molto particolare da far valutare sempre in diretta al suo andrologo di riferimento.

Ancora un cordiale saluto.
[#18] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Lei non ha nessuna idea ?
[#19] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

purtroppo, senza una valutazione clinica diretta, quello che ci racconta è molto aspecifico e confuso per capirci qualcosa ed avere quindi una qualsiasi "idea" clinica da suggerire.

Ancora un cordiale saluto.



[#20] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Una trombosi superficiale , potrebbe determinare erezioni meno intense ?
[#21] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se superficiale, no.
[#22] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Presumo che essendo stato possibile palparla , sia stata superficiale... O erro?
[#23] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Purtroppo lei può errare!
[#24] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
è possibile risolvere una problematica simile senza l uso della chirurgia ?
[#25] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta la valutazione clinica poi il suo urologo od andrologo di fiducia le darà sicuramente le corrette e mirate indicazioni terapeutiche da seguire.