Utente 376XXX
Assumo giornalmente un quarto di atenololo EG da 50 mg per la mia problematica dove in seguito a sforzi prolungati (come la palestra per es.) la tachicardia risultatene non cessa dopo aver smesso.Studiando in rete ho constatato che ci sono 2 opinioni prevalenti: il battito a riposo non deve andare sotto i 60 e altri che sostengono che anche 58-55 non sono preoccupanti.tengo regolarmente monitorata la situazione e risulto ogni tanto avere il battito sui 57 a volte anche 55,sempre a riposo intendo.sottolineo che ho fatto molto sport in passato ma oggi a 47 anni da diversi anni non ne faccio più se non ogni tanto anche se cerco di camminare quotidianamente.devo preoccuparmi e cercare di risolvere in altro modo con altro prodotto la tachicardia in seguito a sforzi ?(chiarisco che la cardiologa mi ha fatto fare holter,elettrocardiogramma da sforzo,ecografia del cuore ed è tutto risultato negativo)ma ripeto dopo uno sforzo prolungato la tachicardia se non prendo il betabloccante non cessa.grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dosaggio di atenololo che lei assume, considerando il suo peso e' quasi...pediatrico.
Tuttavia anche piccole dosi di beta bloccante possono essere sufficiente a ridurre la frequenza.
I valori di sua frequenza non destano alcuna preoccupazione
Arrivederci