Utente 376XXX
Assumo giornalmente un quarto di atenololo EG da 50 mg per la mia problematica dove in seguito a sforzi prolungati (come la palestra per es.) la tachicardia risultatene non cessa dopo aver smesso.Studiando in rete ho constatato che ci sono 2 opinioni prevalenti: il battito a riposo non deve andare sotto i 60 e altri che sostengono che anche 58-55 non sono preoccupanti.tengo regolarmente monitorata la situazione e risulto ogni tanto avere il battito sui 57 a volte anche 55,sempre a riposo intendo.sottolineo che ho fatto molto sport in passato ma oggi a 47 anni da diversi anni non ne faccio più se non ogni tanto anche se cerco di camminare quotidianamente.devo preoccuparmi e cercare di risolvere in altro modo con altro prodotto la tachicardia in seguito a sforzi ?(chiarisco che la cardiologa mi ha fatto fare holter,elettrocardiogramma da sforzo,ecografia del cuore ed è tutto risultato negativo)ma ripeto dopo uno sforzo prolungato la tachicardia se non prendo il betabloccante non cessa.grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dosaggio di atenololo che lei assume, considerando il suo peso e' quasi...pediatrico.
Tuttavia anche piccole dosi di beta bloccante possono essere sufficiente a ridurre la frequenza.
I valori di sua frequenza non destano alcuna preoccupazione
Arrivederci