Utente 377XXX
Buongiorno gent.mi medici,
volevo chiedervi se è normale la mia situazione sessuale. Mi capita quando ho più di un rapporto di seguito di non riuscire ad eiaculare o comunque a farlo dopo un sacco di tempo 30-45 minuti. Al primo rapporto sono molto eccitato e dunque l eiaculazione e l
Orgasmo arrivano quasi subito, mentre se continuo con altri rapporti (dopo pochi min) riscontro questo problema se cosi si puo chiamare, diciamo che l'eccitazione nei rapporti successivi non è tantissima, anche perchè a volte la mi partner non è molto
coinvolgente. Può essere causa di visione di troppo filmati hard che a volte distorcono la normalr vita di coppia?Premetto che sono in cura da un andrologo per una prostatite cronica, che sto curando con xatral e forprost.
Grazie
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le alterazioni eiaculatorie hanno a che fare con infiammazioni prostaiche o con problemi psicogeni. Per la diagnosi differenziale è doveroso rimandarla al collega che la cura,.
[#2] dopo  
Utente 377XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la risposta. Dunque mi conferma che non è una situazione nella norma.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Confermato
[#4] dopo  
Utente 377XXX

Iscritto dal 2015
Bene perfetto. Più che altro mi capita questo, quando raggiungo l'orgasmo con la masturbazione ho un periodo refrattario, mentre col rapporto sessuale praticamente non ho un calo dell'erezione anche dopo aver raggiunto l'orgasmo e dunque dopo neanche 5 minuti inizio con un altro rapporto che poi presenta l eiaculazione ritardata. Secondo lei potrebbe essere una questione di periodo refrattario mancato? Nel senso che non si riconoscono i segni del periodo refrattario, ma il breve lasso di tempo tra un rapporto e l'altro provoca una diminuzione dell'eccitazione e di conseguenza una eiaculazione ritardata. Potrebbe valere come ipotesi?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Tutto quanto dice è poco utile in assenza di visita e diagnostica precisa.