Utente 336XXX
Egr. Dott. re/ri

Un cd. morso crociato laterale sn, è definibile come una malocclusione delle arcate dentarie?

Il mio dentista mi ha detto che, con una soluzione ortodontica, sarebbe possibile risolverlo.

Al contrario, un noto Chirurgo maxillofacciale del Bufalini di Cesena mi ha detto che, vista l' età adulta, anche intervenendo chirurgicamente, non riuscirei a risolverla, quindi non ne vale la pena, senza contare poi tutti i rischi e disagi di un intervento.

Chi dei due a ragione a Suo/Vs avviso?

Grazie anticipatamente.

Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
un morso crociato in un paziente adulto a fine crescita quindi, solitamente può essere risolto esclusivamente con una terapia ortodontica chirurgica
sono molto perplesso che un collega abbia detto di poterlo risolvere solo con l'ortodonzia se non con grave rischio paradontale
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2014
Grazie!

Anche io tra i due ho ritenuto più autorevole il secondo parere, il primo mi è parso più un pretesto per farmi spendere soldi.

Saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Un morso crociato è una malocclusione.

Ma non sappiamo nulla circa il funzionamento della sua bocca durante i normali cicli.

Non conoscendo se il morso crociato è dato da uno spostamento della mandibola (la cui risoluzione è molto ma molto complessa), da una deformazione asimmetrica della grandezza del palato (e allora la strada per la risoluzione sarebbe chirurgica) o da una inclinazione anomala di alcuni denti (la cui risoluzione potrebbe essere esclusivamente ortodontica), ma sopratutto ignorando se questa malocclusione le da mal di testa, tensioni o dolori cervicali, o altri sintomi legati all'articolazione temporo-mandibolare, e quindi se sia opportuno correggerla o meno, non posso assolutamente sbilanciarmi, e sopratutto non posso al momento ipotizzare un'ombra sull'oestà intellettuale del primo collega.

Le suggerisco un consulto presso uno gnatologo, figura professionale ben diversa dal chirurgo maxillo-facciale, come le descrivo in questo link:
www.medicitalia.it/sergioformentelli/news/439/Lo-gnatologo-ma-chi-e-costui
[#4] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2014
Grazie anche a Lei!

Dolore, sì, a livello temporo mandibolare , diagnosticatomi come sindrome di Costen,

Sulla causa non saprei risponderLe, so che ho un bite che da un lato è grosso 1 cm, ma seguirò il consiglio di una visita da uno Gnatologo, figura che fin ora ignoravo!.

Saluti